18/11/2017 ore 13:07
Ternana in trasferta a Cittadella, servono punti per non precipitare in classifica
Altro giro, altra corsa. La Serie B, non concede pause di riflessione. Oggi si gioca, domani bisogna già pensare al turno successivo. Che capita, magari, di lì a pochi giorni dall'impegno precedente. Succede così in questa settimana per la Ternana che, dopo aver giocato in posticipo lunedi sera al "Liberati" con il Carpi, già da martedi mattina si è dovuta immediatamente rimettere al lavoro per preparare la trasferta di oggi (sabato 4 novembre, ore 15,00) a Cittadella. Trasferta difficile, perchè i veneti sono una squadra assemblata molto bene ed in grado di fare risultato contro chiunque. Il tabellino di marcia della squadra di Venturato si presenta, tuttavia, piuttosto altalenante. La curiosità che salta all'occhio, facendo un parallelo con il tabellino dei rossoverdi, è il numero delle partite perse dai veneti: 5, contro le 4 delle Fere. Pochi i pareggi del Cittadella: solo 2, contro i 6 della Ternana. Molte, al contrario, le vittorie: 5, quelle dei veneti, solo 2 quelle della squadra di Pochesci. Da questi numeri ne escono posizioni nettamente distinte in classifica. Il Cittadella occupa la parte sinistra e si gode i suoi 17 punti, mentre la Ternana "tribola" sulla colonna di destra e con i 12 punti conquistati in altrettante partite si trova al penultimo posto e ad oggi sarebbe già retrocessa in Serie C. Per la trasferta in terra veneta Pochesci dovrà rinunciare all'attaccante Montalto che non ce l'ha fatta a recuperare dopo l'infortunio occorsogli nella gara di lunedi sera contro il Carpi. Mancheranno anche Plizzari e Vitiello.
Questi i convocati:
Portieri: Bleve, Sala, Marino E.
Difensori: Ferretti, Gasparetto, Marino D., Signorini, Valjent, Favalli
Centrocampisti: Angiulli, Bordin, Defendi, Franchini, Paolucci, Capitani, Varone
Attaccanti: Albadoro, Candellone, Carretta, Finotto, Tiscione, Tremolada, Bombagi, Taurino.
A dirigere la partita sarà l'esordiente Antonello Balice di Termoli (Cb).
4/11/2017 ore 0:58
Torna su