19/10/2017 ore 10:52
Calano le donazioni di sangue in Umbria, in un anno l'Avis regionale ha registrato un calo del 4,66%
Avis regionale Umbria ha scelto Spoleto per la sua 46esima assemblea regionale, domenica 23 aprile. Sotto lo slogan ‘Avis: volontari per rendere un servizio’ ha accolto presidenti, soci e simpatizzanti delle 65 sedi umbre con l’obiettivo di fare il punto sulle attività finora svolte e procedere con le votazioni per il rinnovo dei suoi organismi sociali in relazione al quadriennio 2017-2020. A questo proposito ha risposto alla chiamata circa l’80 per cento dei delegati delle assemblee provinciali in rappresentanza dei 33.505 soci umbri. Si è proceduto, così, all’elezione dei 19 elementi del Consiglio direttivo (16 per la provincia di Perugia e 3 per quella di Terni), del rappresentante umbro al Consiglio nazionale Avis e dei sette delegati umbri che parteciperanno all’assemblea nazionale in programma a Milano dal 19 al 21 maggio. I nomi degli eletti, come da statuto, saranno rivelati nei prossimi giorni dalla Commissione elettorale che, salvo contestazioni, ne darà atto. Per quanto riguarda, invece, le donazioni, sono stati diffusi alcuni dati per il 2016: in Umbria sono state effettuate 44.438 procedure donazionali di cui 40.971 da soci Avis (anche non umbri), dati questi di poco superiore a quelli del 2009. Nel 2015 erano state rispettivamente 46.611 e 42.932, per cui si è registrata, in un anno, una diminuzione nella raccolta totale del 4,66 per cento (-2.173 donazioni) e tra i soci Avis del 4,57 per cento (-1.961 donazioni). Un ulteriore dato è quello conseguito per le prime donazioni Avis, diminuite del 9,09 per cento. La minore raccolta è stata solo in minima parte compensata dalla migliore utilizzazione e dalla minore richiesta. I pazienti trasfusi sono stati 11.693 nel 2016 contro gli 11.754 del 2015 e le unità non utilizzate sono scese del 25 per cento rispetto all’anno precedente. La scelta della prima donazione differita si conferma lo strumento di maggiore fidelizzazione all’associazione con il 30,20 per cento di coloro che hanno seguito tale procedura che torna a donare contro il 19,58 per cento di quanti hanno effettuato la donazione classica.

“In questo periodo, nella nostra regione – ha dichiarato il presidente di Avis Umbria Giovanni Magara – si sta verificando una costante diminuzione delle donazioni di sangue. La persistenza di questo trend comincia a preoccuparci perché il servizio sanitario si troverà nella difficoltà di gestire le cure e le terapie necessarie ai malati con le giacenze che stanno assottigliandosi sempre di più. Con oggi abbiamo voluto trasmettere alla base associativa le nuove linee e azioni che andrebbero intraprese per migliorare e correggere questo trend”. All’assemblea è intervenuto anche Luciano Franchi, consigliere di Avis nazionale, che ha così commentato: “L’Umbria è una regione che ha dato un grosso contributo alla donazione del sangue, ha espresso dirigenti nazionali e ha saputo insegnare modalità nuove di interlocuzione e di promozione, soprattutto nelle fasce giovanili e negli extracomunitari. Da qui partiamo per una riflessione e per cercare di individuare un percorso di lavoro che consenta di far crescere le donazioni volontarie, anonime, gratuite, periodiche e consapevoli, di plasma e sangue, e per costruire il futuro dell’Avis”. “Tutti si devono sentire coinvolti – hanno aggiunto dall’associazione umbra – nella promozione della donazione: cittadini, imprese private e istituzioni pubbliche. Invitiamo tutti a diventare donatori di sangue al fine di garantire l’universalità del diritto alla salute e uguali condizioni di qualità e sicurezza della terapia trasfusionale. Donare sangue, oltre che fare bene agli altri, fa bene a ogni donatore in quanto permette un accurato controllo del proprio stato di salute e di far parte di un’associazione che riconosce tra i propri principi la gratuità, l’anonimato, l’attenzione a uno stile di vita sano e positivo, la cittadinanza solidale e la solidarietà”.
10/5/2017 ore 0:49
Torna su