12/12/2019 ore 16:38
Ternana al "Liberati" contro il Vicenza, due gli obiettivi: battere i giallorossi e sfatare il "tabù" Bisoli
E’ uno scontro diretto. Su questo non c’è dubbio. Ternana e Vicenza si affrontano in un momento importante e delicato per entrambe. Importante perché sia le Fere che i biancorossi vengono da prestazioni convincenti che hanno permesso loro di risalire diverse posizioni in classifica, delicato perché chi vince questo match ha la possibilità di allontanarsi in modo significativo dai bassifondi della graduatoria. La Ternana in classifica generale ha 20 punti (due in più dei veneti), e rispetto al Vicenza ha perso meno volte (6 contro le 8 degli avversari). Entrambe le formazioni hanno palesato sino ad oggi una certa fragilità difensiva: 23 le reti subite dai rossoverdi, 24 dal Vicenza. Insomma, stiamo parlando di due formazioni che per certi versi si equivalgono. Il Vicenza ha però dalla sua un vantaggio: quello di schierare come allenatore Pierpaolo Bisoli, una vera e propria “bestia nera” per la Ternana. Ogni volta che le Fere hanno affrontato una squadra allenata dal tecnico romagnolo, hanno dovuto arrendersi o dividere la posta in palio. E’ successo così anche nei derby con il Perugia dello scorso anno, quando Bisoli riuscì a vincere in entrambe le occasioni. Che le Fere perdessero punti pesanti contro il tecnico romagnolo era accaduto in precedenza quando egli sedeva sulla panchina del Cesena e prima ancora in quella del Foligno. Insomma, la Ternana con Bisoli ha un conto aperto che vorrebbe chiudere. Così come vorrebbero chiuderlo i tifosi ai quali il tecnico vicentino non è mai stato simpatico. Partita piena di insidie, dunque e di questo il primo ad esserne consapevole è mister Carbone che nella consueta conferenza stampa della vigilia non ha avuto esitazioni nel descrivere i “pericoli” che si nascondono dietro al match di sabato pomeriggio. “Non ci lasciamo illudere dal fatto che il Vicenza verrà a Terni senza numerosi titolari – ha detto Carbone -. Sarà una partita molto difficile, quindi dovremo essere attenti a non sbagliare l'approccio. Quella di domani è una partita da vincere. I ragazzi sanno che dovranno scendere in campo con la bava alla bocca. Distrarsi e buttare via dei punti in questa fase del campionato può essere molto rischioso perché dietro, lo avete visto, le altre stanno correndo”. Per quanto riguarda gli uomini a disposizione, Carbone potrà contare sulla disponibilità di Defendi e Masi che hanno scontato un turno di squalifica, così come su quella di Aresti che si è ristabilito dall’infortunio. Assente Palumbo, fermato dal giudice sportivo per una gara. La probabile formazione delle Fere: (4-3-1-2): Aresti; Zanon, Masi, Valjent, Germoni; Defendi, Bacinovic, Petriccione; Falletti; Avenatti, Palombi.
17/12/2016 ore 0:45
Torna su