12/12/2019 ore 18:01
La Ternana pareggia (1 a 1) nella nebbia di Carpi, altro punto d'oro per la classifica delle Fere
Un altro punto. Che muove la classifica ed allunga la serie positiva delle Fere, che non perdono da ben quattro giornate. Stavolta i ragazzi di Carbone sono riusciti nell’intento di portare via il punto al Carpi, ovvero una delle squadre meglio attrezzate della B. Un match che si è giocato in mezzo alla nebbia. Se poi andiamo a vedere come è maturato il pareggio finale (1 a 1), c’è di che rammaricarsi, perché i rossoverdi sono andati per primi in vantaggio, grazie ad un vero e proprio ‘eurogoal’ di Palumbo, autore a Carpi di una grande prestazione. Il giocatore napoletano è stato, però, capace di macchiare la sua performance, facendosi espellere per doppia ammonizione. L’ingenuità Palumbo l’ha commessa quando ha segnato: per esultare si è tolto la maglietta e l’arbitro, ancora una prestazione mediocre da parte di uno dei tanti direttori di gara incrociati quest’anno dalla Ternana, lo ha giustamente ammonito. E pensare che per le Fere la partita si era messa nel binario giusto, dal momento che, oltre a passare in vantaggio, ad un certo punto potevano approfittare del fatto che il Carpi giocava con un uomo in meno a seguito dell’espulsione di Lollo, avvenuta all’8 della ripresa. Chissà come sarebbe andata a finire se la Ternana avesse potuto mantenere la superiorità numerica fino alla fine? Comunque, al di là della giusta tirata di orecchi data a Palumbo, la prestazione collettiva dei rossoverdi è stata nettamente sufficiente, segno che quella continuità di cui parlava Carbone qualche settimana fa, sembra essere stata trovata dalla squadra che ora gioca più tranquilla, sbaglia di meno e riesce a gestire con maggiore sicurezza il risultato. Insomma anche al Cabassi di Carpi i rossoverdi hanno dimostrato di esserci e di avere davvero cambiato pelle. Ora si tratta di non mollare, anche perché i risultati odierni hanno rimesso in carreggiata il Vicenza, prossimo avversario dei rossoverdi, rilanciato la Salernitana, che ha sbancato Frosinone, e dato una grossa boccata di ossigeno al Cesena, che ha strapazzato il Cittadella. Carbone continua ad invitare i suoi a non distrarsi e di guardare avanti. Settimana per settimana. Senza fare programmi. Alla fine del girone di andata mancano ancora tre partite (Vicenza ed Ascoli in casa, in mezzo la trasferta di Ferrara), e i rossoverdi hanno l’obbligo di mettere in cassaforte quanti più punti possibili.
CARPI (4-4-2): Belec; Letizia, Romagnoli, Sabbione, Poli; Crimi (4' st Pasciuti), Bianco, Lollo, Di Gaudio; Lasagna, Catellani (10' st Mbaye). A disp.: Colombi, Montipò, Blanchard, Comi, De Marchi, Jawo, Mezzoni. Allenatore: Castori.
TERNANA (4-3-1-2): Di Gennaro; Zanon (4' st Sernicola), Valjent, Meccariello, Germoni; Petriccione, Bacinovic, Palumbo (24' st Di Livio); Falletti; Palombi, Avenatti. A disp.: Piacenti, Contini, Della Giovanna, Battista, Flavioni, Dugandzic, Surraco. Allenatore: Carbone.
ARBITRO: Di Martino di Giulianova (assistenti Fiore e Formato).
RETI: 45' pt Palumbo (T), 6' st Lasagna (C).
10/12/2016 ore 18:35
Torna su