22/07/2019 ore 12:37
Avigliano Umbro: i carabinieri scoprono una "serra" dove veniva coltivata canapa indiana, arrestati due uomini del luogo
Una serra “domestica”. Dove, però, al posto di fiori ed altre essenze botaniche i novelli agronomi avevano messo a dimora delle piantine di canapa indiana. Due le persone arrestate. Si tratta di un 47enne e di un 45enne, entrambi residenti ad Avigliano Umbro. La stessa serra era stata ricavata dai due all’interno di un’azienda del posto. Sono stati i carabinieri della stazione di Montecastrilli, nel corso di controlli, a scoprire la “serra” che era stata allestita n uno dei locali del laboratorio dell’azienda. Per essere sicuri che nessuno varcasse quella soglia i due avevano “blindato” la stanza con una robusta porta in ferro dotata di serratura e lucchetto aggiuntivo. I militari, alla presenza del titolare, sono stati attirati da un intenso ed acre odore tipico di queste sostanze stupefacenti, proveniente dal quel locale. Una volta entrati hanno trovato una struttura appositamente adibita a serra, ricoperta da un telo rifrangente e fornita all’interno di lampade, tubi di aerazione ed antizanzare, dove erano in fase di crescita, all’interno di vasi, cinque piante di cannabis sativa. Nello stesso locale e negli altri del laboratorio i militari hanno sequestrato complessivamente un’ottantina di grammi di marijuana. La successiva perquisizione effettuata presso l’abitazione di quello che è risultato essere l’altro complice, un 45enne anche lui del posto, i carabinieri hanno trovato altre due piante di canapa cresciute ed in essiccazione, 200 grammi di marijuana e 60 di hashish già suddivisi in dosi, nonché l’occorrente per la pesatura ed il confezionamento di ulteriori dosi e materiale vario per la coltivazione e l’essiccazione delle piante. I due uomini, entrambi con precedenti di polizia, sono stati tratti in arresto per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti in concorso. In attesa della relativa direttissima, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.
25/6/2016 ore 11:59
Torna su