24/07/2019 ore 09:18
Stroncone: i carabinieri arrestano sette dipendenti comunali comunali per truffa aggravata in concorso
Assenteismo nella pubblica amministrazione. Che ha determinato il reato di truffa aggravata in concorso da parte di sette dipendenti del comune di Stroncone. Si tratta di operai che lavoravano all'interno dell'autoparco comunale. A smascherarli e quindi a denunciarli ai carabinieri è stato il sindaco del paese Alberto Falcini. L'indagine è partita lo scorso 18 dicembre ed è andata avanti in questi mesi. Ad illustrare l'operazione, nel corso di una conferenza stampa, è stato il procuratore della Repubblica di Terni, Alberto Liguori, insieme al sostituto Elisabetta Massini ed al comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Giovanni Capasso. I sette dipendenti del comune di Stroncone sono stati arrestati nelle prime ore di oggi. Nei loro confronti il Gip di Terni, Maurizio Santoloci, ha emesso una misura cautelare per truffa aggravata continuata in concorso. Come detto l’indagine è partita da un esposto presentato nello scorso ottobre dal sindaco di Stroncone, il quale aveva accertato che un gruppo di operai appartenenti all’autoparco di quell’ente pubblico, in maniera collettiva e continuativa, aveva l’abitudine di attestare, nonostante l’assenza od il ritardo, la presenza di colleghi sul luogo di lavoro mediante la “timbratura” del relativo badge personale. L’attività investigativa, svolta fra la fine dell’anno scorso e l’inizio di quello attuale dai militari del N.O.R. – Aliquota Operativa della compagnia dei carabinieri di Terni coordinati dalla Procura della Repubblica, ha permesso di raccogliere, grazie ad un combinato disposto di attività tradizionali di osservazione e pedinamento e tecniche, prove fattuali chiare ed esaustive di condotte illecite inequivocabili. Gli arrestati sono tutti uomini, 4 residenti a Terni, 2 a Stroncone e l’ultimo a Narni, con età compresa fra i 37 ed i 62 anni.
8/6/2016 ore 11:43
Torna su