19/09/2020 ore 15:01
Inquinamento: lunedi 11 gennaio scatta l'ordinanza, traffico e riscaldamento domestico nel mirino del comune
A Terni scatta l'ordinanza anti-smog. Quella che nelle intenzioni
degli amministratori vuol ridurre le polveri sottili in città. Tutti i lunedì e martedì, nelle fasce orarie 8,30 – 12,30 e 15,30 – 19,30, su tutto il territorio comunale, ci sarà il divieto assoluto di circolazione per molti tipi di auto. Da quelle Euro 0, Euro 1, Euro 2 (benzina e diesel), agli autoveicoli adibiti a trasporto merci Euro 0, Euro 1, Euro 2 (benzina e diesel), ai ciclomotori e motoveicoli a due, tre e quattro ruote Euro 0 ed Euro 1. L’ordinanza non si applica (e quindi si può circolare liberamente) nelle seguenti zone: Papigno – Marmore – Piediluco e zone limitrofe - Cascata delle Marmore – Collestatte – Torreorsina – S. Liberatore - Larviano – Miranda – Pièfossato - Val di Serra (dall’abitato di voc. Trevi al confine comunale) - Collelicino – La Castagna Cecalocco – Battiferro - Cesi Scalo – Cesi – Poggio Azzuano – Carsulae Collescipoli – S.P. Collescipolana fino al confine comunale - Tratto ternano della E/45 - Tratto ternano del raccordo Orte-Terni (fino al confine comunale della S.S. 3 Flaminia) - Strada dei Confini – Nuovo Raccordo E/45.
ESENTATI DALL'ORDINANZA GLI AUTOMOBILISTI NON TERNANI. PER I NARNESI L'ORDINANZA VALE
Può circolare liberamente su tutto il territorio comunale chi viene da fuori. Ma attenzione, il “vantaggio” non riguarda chi ha la residenza a: Stroncone, Narni, Sangemini, Acquasparta, Montefranco e Arrone.
CATEGORIE DI PERSONE CHE POSSONO CIRCOLARE LIBERAMENTE
Una serie di categorie di persone e lavoratori possono circolare liberamente su tutto il territorio comunale, a prescindere dal tipo di veicolo. Ecco chi sono:
a) veicoli ad emissione nulla (velocipedi e veicoli elettrici), a Gpl, a Metano, ibridi, bifuel;
b) veicoli guidati da soggetti portatori di handicap con patente B speciale (ex F) e autoveicoli al servizio di persone invalide muniti del contrassegno di cui all’Art. 381 del DP.R. 16.12.1992, n. 495;
c) veicoli ad uso speciale per il soccorso stradale e per trasporto pubblico collettivo (autobus), compresi i taxi, gli autoveicoli a noleggio con conducente ed il trasporto collettivo convenzionato di studenti;
d) veicoli delle Forze di Polizia, delle FF.AA., dell’Autorità Giudiziaria, dei VV.F., dei Corpi e
Servizi di Polizia Municipale e del Corpo di Polizia Locale; veicoli del Pronto Soccorso e di Enti Pubblici in servizio di controllo ambientale ed igienico – sanitario;
e) veicoli degli Enti Pubblici in servizio per interventi urgenti ed indifferibili di manutenzione e Protezione Civile;
f) veicoli delle aziende incaricate della gestione dei servizi pubblici a rete (acqua – luce – gas – telefonia) impiegati per il pronto intervento, la manutenzione straordinaria di impianti pubblici e privati, a servizio delle imprese e dell’utenza civile; veicoli dei dipendenti delle predette Aziende in servizio di pronta reperibilità, per chiamate d’urgenza, nell’orario di limitazione della circolazione, muniti di certificazione rilasciata dalla Direzione aziendale di appartenenza, attestante l’orario del servizio di reperibilità ed avente validità per il tempo strettamente necessario a percorrere il tragitto casa-lavoro e viceversa. Per tali figure professionali le rispettive Aziende dovranno inviare, a mezzo fax, al Comando Polizia Municipale, possibilmente entro le ore 20.00 del giorno precedente il divieto di circolazione, l’elenco del personale interessato, a firma del Responsabile del Servizio;
g) veicoli utilizzati da medici e veterinari in visita urgente comprovata mediante autocertificazione e muniti di apposito contrassegno rilasciato dall’ordine professionale;
h) veicoli utilizzati da medici, veterinari ed operatori socio-sanitari in turno di reperibilità
nell’orario di limitazione della circolazione muniti di certificazione, rilasciata dalla struttura sanitaria di appartenenza, attestante l’orario del servizio di reperibilità ed avente validità per il tempo strettamente necessario a percorrere il tragitto casa-lavoro e viceversa.
Per tali figure professionali le rispettive strutture sanitarie dovranno inviare, a mezzo fax, al Comando Polizia Municipale, possibilmente entro le ore 20.00 del giorno precedente il divieto di circolazione, l’elenco del personale interessato, a firma del Responsabile del Servizio;
i) veicoli dei cortei funebri (con autocertificazione valida 120 minuti), veicoli di ditte di onoranze funebri per lo svolgimento delle proprie attività. L’autocertificazione, da esibire su richiesta degli organi di vigilanza, va redatta su carta libera indicando nome, cognome, data di nascita, targa auto, nome defunto e chiesa interessata;
j) veicoli adibiti al trasporto di farmaci e prodotti per uso medico, muniti di apposito contrassegno e veicoli che trasportano attrezzature e merci per il rifornimento di ospedali e scuole;
k) veicoli adibiti alla raccolta dei rifiuti urbani, allo spazzamento delle strade e veicoli adibiti al trasporto di rifiuti speciali di ditte iscritte all’Albo Nazionale delle imprese esercenti servizio di smaltimento rifiuti e spurgo pozzi neri o condotti fognari;
l) veicoli degli istituti di vigilanza privata e veicoli adibiti al trasporto di valori e articoli di
monopolio a servizio di esercizi commerciali;
m) veicoli del servizio postale;
n) veicoli utilizzati per il trasporto di persone che si rechino presso strutture sanitarie per visite specialistiche, terapie ed analisi programmate, in possesso della relativa certificazione medica e prenotazione riportante giorno e ora della visita;
o) veicoli di paramedici e assistenti domiciliari in servizio di assistenza domiciliare con attestazione rilasciata dalla struttura sanitaria di appartenenza;
p) macchine operatrici complesse di portata superiore a 35 q.li (autogru, autopompa per
calcestruzzo, ecc.), nonché autoveicoli impiegati in agricoltura (trattori, macchine operatrici, ecc.);
q) veicoli che debbono recarsi alla revisione obbligatoria o collaudo, muniti della documentazione di prenotazione rilasciata dal competente ufficio provinciale della Motorizzazione C.T.C. o dai centri di revisione autorizzati, limitatamente al percorso strettamente necessario e nell’orario indicato;
r) veicoli dei cortei matrimoniali con autocertificazione valida 90 minuti, redatta su carta libera indicando nome, cognome, data di nascita, targa auto, nominativo degli sposi e luogo della cerimonia;
s) veicoli degli operatori dell’informazione per l’esclusivo espletamento delle loro mansioni, purché muniti di tesserino di riconoscimento;
t) veicoli utilizzati da insegnanti che svolgono attività in più plessi scolastici e che devono spostarsi da una sede all’altra durante l’orario di limitazione della circolazione. In tali circostanze i docenti dovranno essere muniti di certificazione rilasciata dal Dirigente Scolastico di riferimento attestante l’orario di lezione e il tempo strettamente necessario per recarsi da una sede all’altra;
u) veicoli adibiti al trasporto di prodotti deperibili (frutta, ortaggi, carni e pesci, fiori, animali vivi, latte e latticini) o consegne indifferibili muniti di documentazione attestante l’effettiva urgenza;
v) veicoli di autoscuole muniti di logo identificativo durante lo svolgimento delle esercitazioni di guida;
w) autovetture, indipendentemente dalla categoria Euro, con almeno tre persone a bordo (carpooling) se omologati a 4 o più posti, e con almeno 2 persone se omologati a 2 posti.
LA ZONA ZERO
Nella “zona zero”, nelle fasce orarie 8,30 – 12,30 e 15,30 – 19,30, possono circolare soltanto i veicoli Euro 5 ed Euro 6 (oltre ai veicoli e lavoratori indicati poco sopra). Il perimetro della “Zona Zero”, è delimitato nelle seguenti strade e piazze: Piazza D. Alighieri, Via C. Dentato, Via della Bardesca, Piazza B. Buozzi, Via Castello, Via G.Cerquetelli, Via Lungonera Cimarelli, Viale C. Guglielmi, C.so del Popolo, Viale A. Aleardi, Via G.Carducci, Via S. Botticelli, Piazza Dalmazia, Via G. Oberdan, Viale T.O. Nobili.
RISCALDAMENTO E VARIE
Per quanto riguarda il riscaldamento domestico, l’apposita ordinanza prevederà la riduzione di un grado della temperatura interna delle residenze (che si attesterà così sui 18 gradi) e la riduzione di un’ora del funzionamento, per un massimo di 11 ore. Contemporaneamente verrà aperto un bando pubblico per erogare contributi per l’ammodernamento degli impianti domestici, con un incentivo complessivo di circa 70 mila euro. Infine, per il corretto smaltimento dei residui vegetali, l’ordinanza vieta la combustione privata su campi ed orti e ribadisce che l’Asm fornisce un servizio gratuito di recupero delle potature.
Per chi viola l’ordinanza circolando in orari/zone non consentite, c’è una multa che va da 163 a 658 euro.
10/1/2016 ore 3:55
Torna su