18/01/2020 ore 23:36
Festa di San Francesco: tante celebrazioni in vari luoghi della provincia, la più importante quella dello Speco
“Nel cuore della notte per pregare” è il tradizionale pellegrinaggio a piedi da Narni allo Speco francescano di Sant’Urbano che, in occasione della festa di san Francesco, viene proposto dai giovani della diocesi e dai frati francescani. Il pellegrinaggio partirà la sera del 3 ottobre alle 22,30 dalla Cattedrale di Narni e si concluderà alle 4 di domenica 4 ottobre allo Speco. Qui avrà luogo la celebrazione presieduta dal vescovo Giuseppe Piemontese nel piccolo romitorio in cui Francesco soggiornò e fece dei miracoli, alla quale si uniranno anche altri fedeli che non prendono parte al cammino a piedi. Un percorso a piedi di 15 chilometri che separano Narni dallo Speco francescano, un cammino silenzioso intervallato da preghiere e canti, lungo la strada tortuosa che si snoda tra i boschi e che si apre a suggestivi panorami. Allo Speco, uno dei santuari francescani più autentici, fondato da San Francesco nel 1213, mentre compiva il suo giro apostolico nella bassa Umbria, il 3 ottobre alle 18 ci sarà la Messa e a seguire la recita del Vespro e celebrazione del transito e dalle 24 l’adorazione eucaristica animata con canti e preghiere. Da quando san Francesco predicò a Terni ottocento anni, fa nel 1214, il territorio è stato non soltanto fortemente influenzato dalla spiritualità, arte, cultura francescana, ma ha offerto a sua volta a tale movimento un apporto notevole tra cui si distinguono i santi Protomartiri francescani, il beato Antonio da Stroncone, la clarissa venerabile Teresa Eletta Rivetti. Presso il santuario antoniano dei Protomartiri francescani in Terni, sabato 3 ottobre alle 18,30 ci sarà la messa solenne con lettura del beato transito di San Francesco e nella serata il pellegrinaggio notturno diocesano Narni – Sacro Speco. Altre celebrazioni per la festa del santo di Assisi si terranno nelle chiese francescane della diocesi e nel santuario di san Francesco nel centro di Terni, dove il vescovo presiederà la celebrazione alle 11,30.
Ad Alviano altro luogo francescano della diocesi dove San Francesco è ricordato per il miracolo degli uccelli, sabato 3 ottobre alle ore 17.30 presso la cappella di San Francesco, all'interno del castello, solenne celebrazione, mentre alle ore 20.30 partirà il pellegrinaggio dalla piazza di Alviano all’eremo di Santa Illuminata dove alle 21.30 si terrà la celebrazione eucaristica presieduta da mons. Salvatore Ferdinandi vicario generale della diocesi. La fiaccolata ogni anno vede la presenza di tanti fedeli che cammineranno lungo un percorso di 2 chilometri, cantando e lodando Dio. Il percorso sarà come ogni anno illuminato da fuochi e candele. I bambini e i ragazzi di Alviano porteranno, trasportandola a spalla, la piccola statua di san Francesco lungo tutto il percorso. I festeggiamenti proseguiranno domenica 4 ottobre con la messa presso la chiesa delle "Rondini" e con la camminata tra la natura nei luoghi di San Francesco che si concluderà con la "Polentata" presso il parco la Pietraia.
Insieme per festeggiare San Francesco al convento dei Cappuccini di Amelia, domenica 4 ottobre con il pellegrinaggio a piedi da Sambucetole ai Cappuccini, organizzato dalle parrocchie di Avigliano Umbro, Acquasparta, Montecastrilli, Castel dell'Aquila, Collicello, Frattuccia, Foce, Sambucetole, Macchie, Capitone e San Giuseppe da Leonessa. Il programma dei festeggiamenti prevede alle ore 17,30 i due pellegrinaggi che partiranno dal bivio Sambucetole e dall’edicola ex scuole Santa Romana verso il convento dei Cappuccini. Alle 19.30 si celebrerà la messa solenne presieduta dal vescovo Giuseppe Piemontese, animata dalla corale di Sambucetole, Collicello e Zingarini diretta da Marco Pennazzi. Alle 20.30 il convivio nel piazzale del convento nello spirito francescano.
2/10/2015 ore 11:19
Torna su