19/01/2020 ore 13:54
Amelia: domenica 27 settembre iniziativa di solidarietà per sostenere le persone malate di Alzheimer
Oggetti usati per finanziare la ricerca e la cura dei malati di demenza. E’ l’iniziativa di solidarietà lanciata con “Garage Sale” dall’associazione Alzheimer di Orvieto e che si svolgerà domenica 27 settembre dalle 10 alle 18 ad Amelia presso il chiostro di San Francesco. L’ iniziativa, patrocinata dal Comune di Amelia, è realizzata in collaborazione con l’associazione Oltre il Visibile. Alle 16 è prevista l’esibizione della banda Innocenzo Ricci di Sant’Oreste, mentre alle 18,30, alla Sala Boccarini, dopo un incontro con i rappresentanti dell’amministrazione comunale di Amelia, verrà proiettato il film “Still Alice”, una storia incentrata proprio sul tema dell’Alzheimer. Quello cinematografico di domenica sarà preceduto da altri due appuntamenti, venerdì e sabato, che l’associazione Oltre il Visibile dedica alla malattia. “Garage Sale” si colloca, quest'anno, nell'ambito delle iniziative del mese mondiale Alzheimer e segue di qualche giorno la partecipazione dei volontari all'evento dedicato alla malattia che fa dimenticare ospitato nella residenza "Non ti scordar di me" di Castel Giorgio. “Garage Sale” l’anno scorso ha permesso di ottenere mille e duecento euro. “Grazie ai fondi raccolti nel mercatino 2014 - spiega la presidente, Gloria Vatteroni - abbiamo garantito la prosecuzione della musicoterapia a Casa Vera di Narni. Il progetto di "Pet Therapy" verrà realizzato grazie al finanziamento del bando "8x1000" della Chiesa Valdese e si svolgerà a partire dal prossimo anno nella residenza protetta “San Giorgio” di Orvieto. Il gruppo familiari Alzheimer presso la Cooperativa Cipss di Narni ha trovato la partecipazione gratuita dei soci volontari dell'associazione per l'avviamento delle attività a Narni e Amelia. L'Alzheimer cafè poi, gestito dalla residenza protetta “Non ti scordar di me”, animato dai nostri soci volontari e' ormai punto di riferimento per le informazioni aggiornate sulla malattia e per trovare un luogo di accoglienza e scambio di esperienze per i familiari”.
(Foto di repertorio presa dalla Rete)
24/9/2015 ore 14:20
Torna su