15/11/2019 ore 04:03
Terni: l'ex vescovo Paglia prosciolto dalle accuse riguardanti la vicenda della compravendita del castello di S. Girolamo
Vincenzo Paglia è stato prosciolto da ogni accusa. Alla fine del maggio scorso alcuni organi di informazione avevano riportato la notizia della chiusura delle indagini preliminari inerenti un procedimento penale che ha coinvolto anche l'arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia. Il provvedimento si riferiva a fatti accaduti quando Paglia era Vescovo di Terni, Narni e Amelia. Stando a quanto riportato in un comunicato diffuso dalla redazine di "Adesso", Paglia non c'entra nulla con quella storia. "Dopo la conclusione delle indagini preliminari - si legge nella nota -, il magistrato inquirente ha formulato la richiesta di proscioglimento per la totale estraneità del vescovo in relazione ai fatti contestati. Nel decreto di archiviazione del Gip Simona Tordelli definisce 'certa la totale estraneità' di monsignor Paglia 'il quale, anzi, risulta avere agito sempre nell’espletamento del suo mandato pastorale con l’unico meritorio obiettivo di assicurare alla realtà cittadina un riscatto in termini sociali e culturali'. 'Ho sempre confidato nel lavoro della magistratura - commenta monsignor Paglia - quando seppi della chiusura delle indagini che mi riguardavano dissi che credevo anche nella “giustizia terrena'. Prendo atto con grande soddisfazione della decisione presa dal magistrato inquirente che sancisce la mia totale estraneità ai fatti contestati o a eventuali altri illeciti. Termina così per me un non facile periodo di prova. Ringrazio coloro che hanno contribuito all’emergere della verità e i tanti che mi sono stati vicini in questo tempo con amicizia e fiducia. Sono certo che un approccio all’intera vicenda più sereno e disteso aiuterà il popolo cristiano di Terni Narni Amelia a continuare il suo impegno evangelico e a vivere con intensità l’anno giubilare della Misericordia”.
IL COMMENTO DELLA DIOCESI
Questo il comunicato diffuso dalla Diocesi di Terni in relazione al mproscioglimento di Paglia. "La comunità diocesana prende atto con soddisfazione dell’archiviazione del procedimento nei confronti di mons. Vincenzo Paglia, vescovo emerito della diocesi di Terni-Narni-Amelia. Abbiamo sempre avuto fiducia nella buona fede dell’operato del vescovo Paglia riguardo alla vicenda della compravendita del castello-convento di San Girolamo, e ora gioiamo nel vedere riconosciuta, dall’autorità giudiziaria, l’estraneità dai fatti che gli erano stati contestati. Molti, nei due anni trascorsi, hanno dimenticato che una persona è innocente fino a sentenza definitiva. Nel contempo continuiamo ad avere fiducia nella magistratura, che certamente chiarirà le responsabilità di tutti i soggetti coinvolti in questa vicenda, dalla quale la diocesi ha ricevuto un notevole danno".
21/9/2015 ore 17:05
Torna su