14/12/2019 ore 22:49
Terni: controlli nella notte nelle strade della "movida", denunciato un rumeno con dieci dosi di hashish
Notte di controlli quella trascorsa con gli agenti della Mobile e della Volante di Terni che hanno passato al setaccio i luoghi della "movida". La polizia ha controllato persone e locali nelle zone comprese tra piazza dei Bambini e della Bambine, piazza dell’Olmo, piazza San Francesco, via Fratini,via Cavour, via della Rinascita e via Lauzi. Ad agire agenti in borghese e in uniforme, dalle 22 di ieri sera fino all'una. Gli agenti hanno portato con loro anche il cane Yago, dell’unità cinofila arrivata da Roma per l’occasione. I servizi, disposti dal Questore Carmine Belfiore e finalizzati al contrasto dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti, hanno portato alla segnalazione in Prefettura come assuntori di cinque individui: due rumeni, un marocchino e due italiani, tra cui una ragazza, che mentre stava bevendo una bibita, seduta fuori da un bar, è stata “puntata” dall’agente Yago che è andato dritto con il naso dentro la sua borsa, dove la ragazza teneva dell’hashish per uso personale. Numerose le persone “annusate” dal cane molecolare, che benché non avessero con sé al momento sostanze stupefacenti, hanno ammesso di aver portato in passato nelle tasche o in borsa piccole quantità di droga. Un cittadino rumeno di 28 anni, residente a Terni, disoccupato, è stato fermato a piazza dei Bambini e della Bambine, vicino all’ufficio postale con 10 dosi di hashish, in bustine di plastica nascoste nei calzini. E’ stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio. I controlli, che verranno ripetuti anche nei prossimi giorni, si sono estesi anche nella prima periferia, dove in un bar, è stato ritrovato un bilancino di precisione con residui di cocaina. Mentre le pattuglie tornavano in questura, in piazza Europa, sono stati fermati due ragazzi per un controllo di routine: sono risultati entrambi clandestini. Marocchini, e con precedenti penali per reati di droga, sono stati portati in ufficio per accertamenti e uno dei due, già espulso in precedenza, pensando di evitare l’accompagnamento coatto, ha danneggiato una sedia, cercando di procurarsi delle lesioni. E’ stato denunciato, oltre che per l’inottemperanza alla precedente espulsione, anche per resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale e per danneggiamento. Sono in corso da parte dell’Ufficio Immigrazione le procedure per l’espulsione di entrambi.
22/5/2015 ore 12:32
Torna su