17/07/2019 ore 21:34
Terni operazione antidroga, quattro arresti, in manette anche un 27enne figlio di un poliziotto
Quattro persone arrestate, tutte italiane, e dieci chilogrammi di droga sequestrata. Questo il bilancio di un'operazione antidroga della polizia denominata "Nerone". Tra gli arrestati figura anche un 27enne, figlio di un sovrintendente di polizia che fino a qualche tempo fa aveva lavorato negli uffici della questura ternana. Poi, quando il figlio incappò per la prima volta nelle maglie della giustizia, il sovrintendente venne trasferito in un'altra città. Secondo la questura i dieci chili di stupefacente sequestrato era destinato al mercato ternano. La droga è stata intercettata ieri pomeriggio; era appena arrivata da Roma, nascosta accuratamente all'interno di un’autovettura fermata dagli agenti in prossimità di un parcheggio di un noto centro commerciale nella zona di Maratta. L'operazione ha preso il via qualche giorno fa e l'attenzione degli inquirenti si era concentrata sul 27enne ternano, A. S., con precedenti per reati di droga. Gli agenti lo hanno pedinato e tenuto sotto costante controllo, fino ad arrivare al pomeriggio di ieri quando, coordinati sul posto dal dirigente della questura Alfredo Luzi, sono intervenuti proprio nel momento dello scambio della sostanza stupefacente tra l’indiziato e due uomini arrivati a Terni a bordo di un’auto. Alla guida c'era un 40enne romano incensurato, dipendente della Pubblica Amministrazione, accompagnato da un concittadino di 32 anni, titolare di una sala giochi della capitale, nei confronti del quale sono emersi precedenti penali per violenza e un Daspo. La droga, circa 5 kg di hashish, suddivisa tra panetti ed ovuli, custodita all’interno del vano ruota di scorta, oltre a circa 5.000 euro in contanti, è stata sequestrata, come l’autovettura. Nel corso delle operazioni successive al ritrovamento, durante alcune perquisizioni domiciliari è stata trovata della cocaina purissima per un totale di circa un chilogrammo, tre bilancini di precisione ed altro hashish per circa 4 chili. Il proprietario di un appartamento, un 57enne disoccupato, di origini napoletane e residente nel quartiere di Borgo Bovio, ritenuto il “custode” della sostanza stupefacente, è stato arrestato. L’operazione, denominata “Nerone” dal nome del particolare tipo di hashish sequestrato, prosegue con indagini serrate, coordinate dal Pm Elisabetta Massini, e non si escludono ulteriori sviluppi. Il Questore si è congratulato con il nuovo dirigente della Squadra Mobile e con il personale che ha condotto le difficili e delicate indagini.
14/4/2015 ore 13:45
Torna su