21/02/2020 ore 08:20
Amelia: rissa in piazza tra due ragazzi del luogo, denunciato anche il padre 53enne di uno dei due che ha partecipato alla zuffa
Botte da orbi tra giovanissimi amerini. Il brutto episodio ha avuto luogo nel centro storico di Amelia. Protagonisti dei ragazzi molto giovani, tutti di Amelia ed il padre di uno di questi. Il bilancio finale parla di denuncia in stato di libertà per rissa, minacce e lesioni personali nei confronti dei tre soggetti coinvolti nel grave episodio. Stando a quanto riferiscono dal comando provinciale dell'Arma, sembra che tutto sarebbe successo a seguito di una lite per futili motivi tra due ragazzi: un 20enne di Amelia ed un 19enne di Lugnano in Teverina, entrambi disoccupati. "I due - si legge nella nota dei carabinieri -, dopo una animata discussione telefonica condita da reciproci insulti e minacce sulle rispettive famiglie, si sono dati appuntamento in piazza XXI Settembre ad Amelia, nei pressi dei giardini pubblici, per risolvere la questione, adendo alle vie di fatto. All’appuntamento, oltre ai due ragazzi, si presentava anche il padre del 19enne, un uomo di 53 anni operaio, che partecipava attivamente alla violenta lite che ne scaturiva aiutando il figlio, che nell’occasione portava con sé un uncino metallico acuminato. La zuffa - continua la nota dell'Arma -, veniva fortunatamente interrotta dal pronto intervento dei carabinieri". I due ragazzi riportavano lievi lesioni e tutti e tre i partecipanti all’evento sono stati denunciati per rissa, minacce e lesioni personali. Il 19enne, per via dell'uncino usato nel corso della colluttazione e che è stato sequestrato dai militari, è stato anche deferito in stato di libertà per porto abusivo di strumento atto ad offendere.
18/2/2015 ore 12:36
Torna su