12/11/2019 ore 14:17
Regione: premi ai dirigenti, in dieci anni uno "spreco" costato agli umbri circa 30 milioni di euro
“Si avvicinano le feste di Natale e la Giunta regionale pensa ai suoi 'coccolatissimi' dirigenti, per i quali ha appena costituito il fondo annuale da oltre 3 milioni e 284 mila euro. Con questi soldi pubblici verrà corrisposta ai dirigenti la retribuzione di posizione e di risultato' per il 2014. E non tragga in inganno i cittadini la parola 'posizione', non si tratta del normale stipendio del dirigente pubblico, ma di una retribuzione accessoria che, come quella di 'risultato', viene determinata in base a scelte interne fatte dall'Ente, in questo caso la Regione”. Lo scrive il consigliere regionale Gianluca Cirignoni (Umbria popolare-Nuovo centrodestra). “Pensare - aggiunge Cirignoni - che in 10 anni sono state sottratte agli umbri e all'Umbria risorse per oltre 30 milioni di euro per premiare i dirigenti – rimarca - dovrebbe far riflettere sulla necessità di rivedere e possibilmente sopprimere il sistema della premialità, come tra l'altro ha recentemente sostenuto, attraverso i mass media, il governatore della Toscana, Rossi”. Cirignoni auspica che “la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini si unisca al suo collega e chieda al Governo di intervenire per azzerare questi che paiono sempre più sprechi e odiosi privilegi. Invito quindi la Giunta regionale – scrive l'esponente del centrodestra – ad attivarsi per ridurre al minimo questi premi, intervenendo su risultati richiesti e valutazioni di posizione dirigenziale".
1/12/2014 ore 2:18
Torna su