21/10/2019 ore 14:08
Alviano-Guardea: mega centro ippico costruito abusivamente, la Forestale denuncia due persone
Abusi edilizi. E' questa l'accusa rivolta ai titolari di un'azenda agricola che organizza eventi legati agli sport equestri. L'azienda si trova in una zona posta ai confini tra i comuni di Guardea ed Alviano. L'intervento è stato effettuato da agenti del Corpo Forestale dello Stato di Terni unitamente ai loro colleghi della stazione di Montecchio ed in collaborazione con la polizia municipale di Guardea. Dalle verifiche effettuate con l’Ufficio Sorveglianza Costruzioni dell’amministrazione provinciale e gli uffici tecnici dei comuni interessati, sarebbe risultato che la gran parte delle opere edilizie sarebbero state realizzate in mancanza delle necessarie autorizzazioni o comunicazioni previste dalla normativa edilizia vigente. Di recente l’azienda ha notevolmente ampliato la propria capacità recettiva, realizzando una serie di infrastrutture, tra le quali diverse costruzioni, alcune con strutture portanti in metallo e rivestimento in Pvc ed altre in muratura, per una superficie totale di oltre 8.000 metri quadrati coperti. Tra queste risalta in particolare, nel comune di Alviano, la copertura di un intero campo di equitazione coperto per gare di salto ad ostacoli avente struttura metallica e copertura in Pvc delle dimensioni di quasi 5.000 metri quadrati ed una altezza di oltre 16 metri, visibile da alcuni chilometri di distanza. Sarebbero stati edificati in modo irregolare anche altri manufatti adibiti ad uso ufficio, sala video e selleria, uso cucina e sala ristoro, ecc. La Forestale contesta anche la realizzazione di una pista che si sviluppa per circa 210 metri. Nel Comune di Guardea le opere abusive accertate consisterebbero in 390 box per il ricovero di cavalli, varie strutture in muratura adibite a servizi igienici, di ristorazione e ricettive, ed un campo di equitazione coperto con una struttura portante in acciaio e copertura in Pvc, delle dimensioni di 1.600 mq e di un'altezza pari a circa 12 metri, utilizzato come area di preriscaldamento degli animali prima delle gare equestri. Le opere realizzate nel territorio comunale di Alviano sono state realizzate a poche centinaia di metri dall’Oasi naturalistica, zona particolarmente protetta e classificata da poco tempo come ZSC (Zona Speciale di Conservazione) dalla Comunità Europea, in area sottoposta a vincolo idrogeologico e classificata a rischio sismico. Per la realizzazione di tali opere sono state deferite alla competente Autorità Giudiziaria due persone individuate quali responsabili ai sensi della normativa vigente in materia (DPR 380/2001 e s.m.i. e specifica normativa regionale ). Il sindaco di Guardea, da parte sua, ha emesso un'ordinanza contingibile urgente per l’interdizione dell’accesso alle strutture al fine di garantire la pubblica incolumità stante l’assenza di autorizzazione sismica.
(Nella foto il complesso ippico che secondo la Cfs sarebbe stato costruito in modo abusivo)
7/11/2014 ore 14:58
Torna su