21/10/2019 ore 14:21
Terni: 66enne ternano uccide la moglie di 36 anni a coltellate poi si consegna ai secondini del carcere
Una tragedia terribile. Culminata con un omicidio. Un uomo di 66 anni nel corso della notte ha ucciso la moglie di 36. E' successo in un appartamento situato all'interno di uno dei nuovi grattacieli di via Gramsci, a poca distanza dall'Ipercoop. Il 66enne ha ammazzato la moglie sferrandole alcune coltellate. I due avevano due figlie piccole: una di 2 e l'altra di 7 anni. Pare che il padre, prima di compiere l'assurdo gesto, abbia chiuso le due bambine in un'altra stanza. Un gesto di "pudore" e di "rispetto" verso le due povere creature. Una volta compiuto il delitto l'uomo sarebbe uscito di casa per dirigersi verso vocabolo Sabbione, qui ha bussato alla porta del carcere, consegnandosi ai secondini ai quali avrebbe confessato di avere appena ucciso la moglie. Gli agenti hanno immediatamente avvertito i carabinieri che sono arrivati sul posto, interrogando l'uomo e disponendo anche un immediato controllo presso l'appartamento di via Gramsci, per constatare se il pensionato aveva detto la veritÓ. Fatta questa tragica constatazione i militari hanno rpovveduto ad arrestare il 66enne per omicidio volontario. La vittima, Laura Livi, era una consulente legale di 36 anni. Il marito si chiama Franco Sorgenti, 66 anni, pensionato delle acciaierie. Sulle motivazioni che hanno spinto l'uomo a uccidere la moglie, gli inquirenti non escludono che alla base del gesto possa esserci la gelosia.
29/10/2014 ore 10:15
Torna su