22/10/2019 ore 21:30
Terni: duro lavoro per la polizia intervenuta in vari punti della città per sedare liti fra stranieri
Liti fra stranieri. Nelle ultime ore ne sono scoppiate diverse e tutte hanno visto come protagonisti cittadini stranieri residenti in città. In particolare rumeni, ma anche albanesi. Uno di questi episodi è accaduto davanti ad un bar, nei pressi della stazione ferroviaria, dove è scoppiata una violenta lite fra una datrice di lavoro macedone ed un suo operaio iraniano, entrambi regolarmente residenti a Terni. E’ stato solo grazie all’arrivo tempestivo della Volante che la situazione non è degenerata. Gli agenti hanno riportato i due alla calma e la donna, titolare di una ditta di taglio di legname, che sarebbe stata schiaffeggiata dall’uomo per questioni di denaro, è stata assistita dal 118.
Lite tra congiugi
Un’altra lite, che ha visto protagonisti due ex-coniugi, ha richiesto la scorsa notte l’intervento della polizia. La Volante è stata chiamata dall’ex-marito, un cittadino albanese, perché l’ex-moglie, di nazionalità rumena, avrebbe preso a calci la porta d’ingresso chiedendo di entrare. La donna, avrebbe rieferito agli agenti di averlo fatto perché disoccupata e senza una casa e dopo essersi calmata, si è allontanata volontariamente.
Lite fra condomini
Ancora una lite, stavolta fra condomini, che è stata sedata a fatica dagli agenti. E' successo in via Farini dove abitano quattro giovani donne, tutte di nazionalità rumena. Un’inquilina ha chiamato la Volante affermando che tre sue connazionali, che abitano insieme nell’appartamento sopra al suo, prenderebbero continuamente a calci la sua porta chiedendole cibo e soldi. Quando gli agenti sono arrivati sul posto le tre donne, che hanno detto di essere disoccupate, hanno continuato ad inveire conto la vicina, sputandole in faccia e tirandole una ciabatta. Gli agenti sono riusciti a calmare gli animi, non potendo procedere ad eventuali allontanamenti dalla città, perché tutte regolarmente residenti.
19/9/2014 ore 16:10
Torna su