17/10/2019 ore 22:30
Castel dell'Aquila: la Forestale denuncia un 40enne sorpreso a coltivare canapa indiana in un bosco
Agenti della stazione del Corpo Forestale dello Stato di Avigliano Umbro hanno sequestrato alcune piante di canapa indiana (cannabis) che erano coltivate all’interno di una zona boscata nei pressi di Castel dell’Aquila. Le piante (tre) erano coltivate in appositi vasi di plastica e ben occultate all’interno della vegetazione. Al termine di una attività d’indagine gli agenti hanno individuato un uomo di circa 40 anni, residente in zona, che si occupava della coltivazione. Il soggetto è stato deferito alla Procura della Repubblica per il reato previsto dalla normativa relativa agli stupefacenti. Le piante rinvenute sono state poste sotto sequestro in attesa delle disposizioni dell’Autorità Giudiziaria. Dal Corpo Forestale dello Stato fanno sapere che "Il testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti (DPR 309/90) per tali illeciti prevede la sanzione penale della reclusione da 6 a 20 anni e la multa da euro 26mila ad euro 260mila".
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
18/9/2014 ore 14:16
Torna su