27/01/2020 ore 17:13
Operazione antimafia: i carabinieri arrestano in un albergo del centro un 32enne ritenuto un appartenente alla 'Ndrangheta calabrese
Nelle prime ore della mattinata odierna i carabinieri del “Ros” e del comando provinciale di Terni, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto, un soggetto che è ritenuto un affiliato alla cosca “Bellocco”, della “'Ndrangheta” calabrese. I militari hanno agito in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. Si tratta di un 32enne originario di Reggio Calabria, intercettato e catturato presso un albergo del centro di Terni dove si trovava insieme alla propria consorte ed alla suocera. L'uomo sarebbe ritenuto responsabile "di associazione a delinquere di stampo mafioso, traffico di armi, detenzione e porto abusivo di armi ed altri gravi reati". Le indagini avrebbero evidenziato che l’uomo è accusato "di aver fornito un costante contributo all’attività dell’associazione, eseguendo tutte le disposizioni impartite dal capo-cosca e cooperando con gli altri affiliati nella realizzazione del programma criminoso del gruppo". Il 32enne, sempre secondo i carabinieri di Terni, si sarebbe occupato, "di reperire le armi (anche da guerra) necessarie alla cosca per compiere le proprie attività delittuose e di occultarle adeguatamente, anche presso la propria abitazione". "Il soggetto - ha affermato il comandante provinciale, colonnello Pierluigi Felli, è stato individuato nell’ambito delle mirate attività di monitoraggio che i carabinieri svolgono costantemente e con la massima attenzione allo scopo di prevenire ed arginare fenomeni di infiltrazione e radicamento nel territorio di elementi appartenenti ad organizzazioni criminali di stampo mafioso che gravitano nella zona in relazione alla presenza di propri familiari detenuti presso la locale Casa circondariale. La persona sottoposta a fermo, infatti, si trovava a Terni, unitamente ai propri familiari, per fare visita al suocero ristretto in carcere in regime di 'Alta sorveglianza', per reati connessi alla sua affiliazione ad associazione per delinquere di stampo mafioso". Il fermo eseguito a Terni si inquadra in una più vasta operazione condotta dai carabinieri su tutto il territorio nazionale, nel corso della quale sono stati eseguiti altri 7 provvedimenti di analoga natura nei confronti di altrettanti affiliati alla cosca “Bellocco”.
(Nella foto il colonnello Pierluigi Felli, comandante provinciale dei carabinieri di Terni)
16/7/2014 ore 15:56
Torna su