19/11/2019 ore 14:54
Terni: la polizia stronca un grosso giro di spaccio, finiscono in galera sette persone
Quattro tunisini, un macedone e una rumena sono stati arrestati con un’operazione ad ampio raggio della Squadra Mobile ternana. Si tratta di un’operazione importante che ha portato ad individuare un nuovo canale di approvvigionamento di droga dalla Toscana. L'operazione si inquadra nella serie di interventi che hanno permesso negli ultimi tempi di stroncare i maggiori rifornitori del ternano: dai nigeriani, ai dominicani, fino ai giovani incensurati italiani arrestati ad aprile. La Sezione Antidroga ternana ha intensificato i controlli e l’attività di prevenzione, concentrandosi proprio sulle persone già conosciute sia come consumatori, che come spacciatori, di nuovo in circolazione dopo aver scontato dei periodi di condanna. Indagini articolate e serrate che hanno portato a questa nuova operazione che ha fatto salire a 25 il numero degli arrestati per spaccio dall’inizio dell’anno.
L'OPERAZIONE
Ieri pomeriggio gli agenti hanno notato un’auto di grossa cilindrata passare per via Tre Monumenti, con a bordo quattro persone: tre uomini e una donna. L’auto è stata fermata e all’interno gli agenti hanno trovato dosi di cocaina purissima per oltre 70 grammi e 1.000 euro in contanti. I quattro sono stati arrestati e portati in questura per l’identificazione: il proprietario dell’auto è un macedone di 33 anni regolarmente residente a Grosseto, titolare di una ditta di taglio e vendita di legname, gli altri componenti del gruppo sono due giovani tunisini di 19 e 21 anni, irregolari in Italia e provenienti da Pisa e una cittadina rumena di 25, residente a Grosseto. Nello stesso momento, nei pressi di piazza della Pace, la olizia ha fatto irruzione in un appartamento abitato da una tunisina di origini maltesi di 48 anni, regolare in Italia da molto tempo e con numerosi precedenti per spaccio. All’interno dell’abitazione la polizia ha trovato 15 dosi di droga, tra eroina e cocaina, e un connazionale di 30 anni colpito da un mandato di arresto per reati di droga emesso dalla Procura della Repubblica di Perugia. Sono stati arrestati entrambi e il tunisino è stato condotto al carcere di Perugia per l’esecuzione della misura cautelare. Nella stessa zona la polizia ha fermato un altro tunisino di 35 anni, pluripregiudicato, già allontanato dal territorio nazionale con accompagnamento coattivo nel Paese d’origine e rientrato illegalmente in Italia; l'uomo è stato trovato con 5 dosi di eroina ed è stato arrestato e denunciato per la violazione delle norme sull’Immigrazione. Durante le operazioni è stato denunciato anche un cittadino dell’Arzebaigian, pregiudicato di 32 anni, regolare in Italia, sorpreso mentre acquistava una dose di eroina per 5 grammi da uno degli arrestati; quando ha visto gli agenti ha cercato di fuggire, ma è stato bloccato. Le direttissime, fissate per questa mattina, sono state disposte dal Pubblico Ministero Camilla Coraggio. Le indagini proseguono e non sono esclusi nuovi sviluppi in relazione all’individuato canale di approvvigionamento dalla Toscana.
4/6/2014 ore 12:25
Torna su