18/10/2019 ore 06:17
"Baby squillo": il 78enne viola le disposizioni del giudice e chiede ancora di fare sesso ad una delle ragazze coinvolte
Avrebbe violato le misure che gli erano state imposte dal giudice. per questa ragione nei suoi confronti sono scattati gli arresti domiciliari. Stiamo parlando dell'operazione che alcune settimane fa portò all'arresto di numerose persone per una squallida storia di baby squillo. Tra i soggetti individuati dai carabinieri c'era anche un 78enne ternano al quale il giudice aveva imposto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalle minorenni coinvolte nella vicenda in quanto era stato appurato che l'uomo aveva avuto svariati rapporti sessuali con alcune di queste. Un divieto che l'arzillo vecchietto non avrebbe rispettato, tanto che la Direzione Distrettuale Antimafia di Perugia su richiesta del Pm G. Petrazzini, ha disposto un'ulteriore misura cautelare nei confronti del 78enne, ritenuto responsabile di avere violato le prescrizioni imposte da precedente misura irrogata nei suoi confronti a seguito della nota indagine sulla prostituzione minorile. La setssa, come si ricorderà, era culminata con l’emissione di 8 provvedimenti cautelari nei confronti di altrettanti soggetti. I carabinieri hanno accertato che il pensionato 78enne, a suo tempo sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle minorenni, "violando deliberatamente - è scritto in un comunicato - le prescrizioni a cui era sottoposto, si sarebbe addirittura recato presso l’abitazione di una delle ragazze coinvolte e recriminando per il fatto che la giovane avesse avuto rapporti sessuali anche con altri uomini, aveva preteso la restituzione di alcuni regali che le aveva in precedenza elargito". Nel corso degli accertamenti si sarebbe inoltre acclarato che "il pensionato, consapevole che la ragazza era divenuta nel frattempo maggiorenne, ritenendo di poterne ora legalmente approfittare, aveva deliberatamente violato gli obblighi a cui era sottoposto anche per proporle ulteriori incontri di natura sessuale". L'uomo dopo le formalità di rito, è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.
28/5/2014 ore 12:54
Torna su