20/11/2019 ore 02:14
Orvieto: rubano in un hotel e scappano senza pagare il conto, denunciata una ragazza di 24 anni ed un 29enne
Affittano una camera in un hotel di Orvieto, vi pernottano, ma durante il loro soggiorno trovano anche il tempo per impossessarsi del denaro contenuto in un cassetto. Poi se ne vanno senza pagare il conto. protagonisti della vicenda sono una ragazza italiana di 24 anni ed un 29enne tunisino. Lui abita a Perugia ed ha precedenti di polizia per spaccio di stupefacenti, mentre la ragazza risiede in un comune limitrofo ed è anch'essa gravata da precedenti per spaccio e reati contro il patrimonio. Nei loro confronti la polizia del Commissariato di Orvieto ha fatto scattare una denuncia in stato di libertà per furto in concorso. I due giovani, dopo aver passato la notte in un albergo del centro storico della città, probabilmente aiutati da un complice tuttora ignoto che avrebbero fatto entrare da una finestra della hall, si sono impossessati di 150 euro e di vari documenti che hanno trovato nei cassetti del bancone. Quando il proprietario si è accorto del furto ha subito chiamato il Commissariato e gli agenti della Volante e dell’Anticrimine hanno poco dopo rintracciato i due, mentre cercavano di allontanarsi dalla città senza pagare il conto. Nella stanza dell'hotel gli agenti hanno trovato della sostanza stupefacente e gli oggetti tipici per l'assunzione. La refurtiva è stata restituita. L'intera somma di denaro è stata trovata indosso al tunisino, mentre i documenti, agende, fatture ed altre carte contabili, sono stati rinvenuti abbandonati sotto un viadotto lungo la tratta ferroviaria di Orvieto Scalo. I due, messi innanzi alla evidenza degli indizi a loro carico, hanno ammesso gli addebiti e pertanto sono stati denunciati all'Autorità Giudiziaria per furto, detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti ed insolvenza fraudolenta per non aver pagato il conto. A carico dello straniero vi è una misura cautelare emessa dal Giudice di Perugia per un procedimento penale in corso per spaccio di droga, che gli impone di firmare giornalmente presso un comando carabinieri di quel capoluogo, cosa che si è appurato aver fatto anche la sera prima di giungere ad Orvieto.
27/5/2014 ore 14:11
Torna su