21/07/2019 ore 05:00
Terni: reatino di 29 anni arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, spaccio e detenzione di armi
Un 29enne italiano residente a Rieti è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per detenzione ai fini di spaccio, possesso ingiustificato di armi o oggetti atti ad offendere e per guida sotto l’effetto di stupefacenti. L'uomo è stato fermato dalla Squadra Volante alle 3 di mattina, dopo che gli agenti lo avevano visto girare più volte in auto, a bassa velocità, da solo, nella zona del Foro Boario, un’area tenuta sotto costante controllo dalle forze dell'ordine. Il giovane è apparso da subito immotivatamente euforico ed esuberante; dal controllo al terminale sono emersi a suo carico numerosi precedenti per resistenza a pubblico ufficiale e possesso ingiustificato di armi. Per questo motivo gli agenti hanno controllato l’auto, trovando, nascosti in diversi punti dei sedili e del bagagliaio: una grossa mazza di ferro, un bilancino elettronico di precisione, un grinder (di quelli usati per macinare la droga), due dosi di marijuana e 200 euro in banconote di diversi tagli. A quel punto l’euforia del ragazzo si è trasformata in rabbia e si scagliato contro gli agenti colpendoli con calci e pugni, ferendoli, tanto da dover ricorrere alle cure del pronto soccorso (ne avranno per 5 giorni ciascuno). Con l’aiuto dei colleghi di un’altra pattuglia, il reatino è stato bloccato e perquisito ed indosso gli sono state trovate altre due dosi di hashish. E’ stato portato in ospedale, dove è stato sottoposto agli esami tossicologici che hanno riscontrato un altissimo tasso di sostanza stupefacente nel sangue con conseguente ritiro della patente di guida. Il Pubblico Ministero Barbara Mazzullo ne ha ordinato l’arresto e la misura degli obblighi domiciliari in attesa del rito direttissimo di questa mattina.
28/4/2014 ore 14:15
Torna su