21/10/2019 ore 15:38
Terni: appartiene al povero Egidio Pennacchi il cadavere ritrovato oggi nel fiume dai vigili del fuoco
E' quello del povero Egidio Pennacchi il corpo ritrovato oggi nelle acque del Nera dai vigili del fuoco di Terni. "Dopo 36 giorni di ricerche senza sosta - si legge in un comunicato -, è stato ritrovato poco prima delle 15 di questo pomeriggio il corpo dello sfortunato operaio di Ferentillo caduto nel fiume Nera il 24 febbraio scorso. Dopo l’ennesimo abbassamento del livello dell’acqua ottenuto grazie alla preziosa collaborazione della E-on, gli uomini del comando di Terni ed i sommozzatori VV.F. di Viterbo sono scesi in acqua e proprio i sub del comando di Viterbo, in un ansa del fiume, a circa 200 mt. dal ponte di ferro della ferrovia, sulla sponda sinistra sotto oltre 1.5 mt d’acqua, scorgevano il caschetto bianco dell’operaio. Scesi in acqua hanno avuto la conferma che il corpo di Egidio Pennacchi era lì sotto, incastrato sotto tronchi e ramaglie, difficilmente individuabile a causa della melma e della vegetazione fluviale che lo avvolgeva. L’imbracatura tecnica da lavoro, con decine di moschettoni d’acciaio, cinghie ed attrezzi da lavoro, tra cui un pesante martello, ne impedivano la risalita a galla. Solo grazie al caschetto bianco e soprattutto all’occhio professionale dei sommozzatori, hanno premesso il ritrovamento. La salma, riportata a riva dagli stessi vigili del fuoco, e messa subito a disposizione del magistrato, dott.ssa Massini, che ne ha disposto l’autopsia".
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
31/3/2014 ore 20:00
Torna su