14/07/2020 ore 02:39
Piediluco: la Eon sovvenziona la costruzione dei nuovi pontili per il canottaggio
Il Centro Remiero del lago di Piediluco è stato dotato di nuovissimi pontili galleggianti per le imbarcazioni da canottaggio. I lavori, interamente sovvenzionati da E.ON, multinazionale dell’energia elettrica e gas, presente in Umbria con il nucleo idroelettrico di Terni e realizzati dal Comune di Terni, hanno riguardato la collocazione dei due nuovi pontili per il canottaggio e di un terzo, fuori dal centro remieri, ad uso civile. Comprendendo anche il restyling della torretta di partenza e del podio in acqua delle premiazioni. Il finanziamento del progetto di rinnovamento da parte di E.ON rientra nell’ambito della convezione stipulata dall’azienda con la Provincia di Terni per la tutela, la conservazione e l'incremento e la riqualificazione ittica del lago di Piediluco e la promozione, valorizzazione e sviluppo dei territori della provincia di Terni. A tale riguardo, E.ON nel 2013 ha erogato 100mila euro. Il Centro Remiero recentemente rinnovato, ospita il Centro Nazionale Preparazione Olimpica della FIC (Federazione Italiana Canottaggio). I lavori sono stati completati in tempo per la 28a edizione del Memorial Paolo d’Aloja, che si svolgerà dall’11 al 13 aprile nel campo di regata di Piediluco. Questa manifestazione internazionale, sostenuta anche quest’anno da E.ON, è stata ideata per ricordare la nobile figura del presidente federale capace di favorire la rinascita del canottaggio italiano, cui ha contribuito in particolare la creazione del Centro Tecnico Federale nel 1980. Il sostegno di E.ON al progetto di rinnovamento e al Memorial D’Aloja si inquadra nell’ambito dell’impegno che l’azienda porta avanti nei confronti della valorizzazione delle realità locali e delle iniziative promosse dalle comunità dei territori in cui opera. E.ON, uno dei principali player energetici in Italia, nella generazione e vendita di energia elettrica e nella vendita di gas a Terni gestisce un nucleo idroelettrico da 531 MW, costituito da 16 centrali idroelettriche che sfruttano l’acqua dei fiumi Tevere, Nera e Velino. Si tratta di uno dei poli di produzione di energia rinnovabile più importanti del Centro Italia, nonché sito di grande valore storico e naturalistico, che comprende anche la cascata delle Marmore. Il nucleo idroelettrico di E.ON a Terni produce mediamente circa 1,3 di TWh all’anno sufficienti a soddisfare il fabbisogno energetico di circa 500.000 famiglie italiane.
21/3/2014 ore 15:26
Torna su