19/07/2019 ore 01:19
Terni: la Guardia di Finanza sottopone a verifica fiscale un promotore finanziario già denunciato
Era stato già denunciato la scorsa estate dalla Guardia di Finanza, l’ex promotore finanziario di origine ternana che aveva truffato circa 4 milioni di euro ai propri clienti, garantendo loro un’alta redditività degli investimenti che invece sarebbero finiti nelle sue tasche. A cadere nella trappola più di 20 persone, tra parenti, amici e conoscenti, tutti truffati. Fra questi anche medici, dentisti, veterinari, professionisti, commercianti e pensionati del comprensorio ternano. Denunciato per truffa, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Terni, sulla base del presupposto normativo che anche i proventi illeciti possono essere tassati, avevano aperto nei suoi confronti una verifica fiscale. Ora, dopo alcuni mesi di attività i militari hanno ricostruito tutti i componenti di reddito e tutte le somme illecitamente percepite dal professionista. In tal modo è stata quantificata sia ogni singola somma di denaro illecitamente sottratta a ciascun cittadino truffato, sia l’importo totale delle somme incassate 'a nero' dal professionista, ai fini della loro tassazione. Al termine della verifica la somma riconducibile a proventi illecitamente percepiti è stata - secondo la Guardia di Finanza - di ben 3.798.920,80 euro, che sono stati ricondotti a tassazione quali ricavi provenienti dalla sua attività professionale. Un'indagine conclusa anche attraverso l’utilizzo di accertamenti bancari, al termine dei quali le Fiamme Gialle hanno nuovamente segnalato l’uomo all'Autorità Giudiziaria "per presentazione infedele della dichiarazione dei redditi, ex art. 4 della cosidetta 'legge sulle manette agli evasori'. Una denuncia che va ad aggiungersi a quelle già presentate nei suoi confronti per la commissione dei reati di truffa, falso in scrittura privata e appropriazione indebita, nonché alla già avvenuta radiazione dall’albo di categoria.
11/2/2014 ore 11:15
Torna su