18/07/2019 ore 13:03
Piero Sacco è il nuovo presidente di Anec Umbria l'associazione che raggruppa gli esercenti di cinema
Avvicendamento al vertice di Anec Umbria, la Sezione regionale dell’Associazione Nazionale Esercenti Cinema, organismo senza scopo di lucro cui aderiscono le sale cinematografiche italiane. Piero Sacco, della Cooperativa Lagodarte di Castiglione del Lago, è da pochi giorni il nuovo presidente di Anec Umbria. Piero Sacco è direttore artistico e responsabile settori spettacolo e socio-educativo della cooperativa Lagodarte che opera nel campo dei servizi e delle attività sociali, culturali, educative, ricreative, turistiche e dello spettacolo. Tra le altre attività infatti la cooperativa gestisce attualmente il Cinema Teatro Cesare Caporali e l’Arena della Rocca Medievale di Castiglione del Lago. Il nuovo presidente è stato nominato nei giorni scorsi e sostituisce Raffaele Federici arrivato a conclusione del suo mandato. Sacco sarà affiancato nelle attività da due vice presidenti: Riccardo Bizzarri (Cinema Teatro Zenith) e Barbara Travaglini (Cityplex Politeama Lucioli) e dal Consiglio Direttivo che è composto da: Mirco Gatti (Cinema Comunale S.Angelo), Paolo Ferretti (Multisala Corso), Pier Domenico Clarici (Multisala Politeama Clarici), Romolo Abbati (Cinema Teatro Concordia), Matteo Cesarini, (Sala Cinematografica Metropolis). L'attività dell'ANEC consiste nel tutelare e rappresentare gli interessi delle imprese associate nei confronti di Enti e amministrazioni pubbliche, promuoverne l'attività, elaborare progetti e iniziative comuni. Anche l'Anec, come le principali associazioni di categoria dello spettacolo, aderisce all'Agis, l’Associazione Generale Italiana Spettacolo. La Sezione umbra di Anec, inoltre, coordina l’attività dei soci, promuove e favorisce ogni intesa che regoli i rapporti tra l’esercizio cinematografico e le altre categorie dello spettacolo e assicura ai propri soci servizi di assistenza e consulenza. Sacco ha ringraziato coloro che hanno ritenuto di individuare in lui una sintesi rispetto alle nuove esigenze dell’Associazione in questa fase storica per l’esercizio cinematografico caratterizzata dal passaggio dalla pellicola al digitale.
15/10/2013 ore 13:14
Torna su