20/11/2019 ore 15:07
Terni: pratiche sessuali al posto dei massaggi, chiuso un centro gestito da cinesi
Giro di vite della polizia di Terni sui centri massaggi gestiti da cinesi che spesso nascondono delle vere e proprie case di appuntamento. L'ultimo dei controlli ha interessato un centro massaggi sito in viale Brina. All'interno i poliziotti hanno trovato tre cittadine cinesi ed una italiana. A dare il via alle investigazioni è stata una segnalazione di una fonte confidenziale. Da lì sono iniziati appostamenti ed accertamenti che hanno coinvolto anche i clienti del centro massaggi, che avevano usufruito delle prestazioni sessuali. Gli investigatori avrebbero così accertato che presso questo esercizio veniva commesso il reato di sfruttamento della prostituzione da parte dei gestori dell'attività. I suddetti identificati nelle persone di H.W. cittadina cinese e M.S. cittadina italiana, rispettivamente titolare dell’esercizio ed estetista responsabile. All’operazione fi polizia giuziaria ha partecipato anche personale della Asl 2 - Reparto di Unità Operativa di Igiene e Sanità Pubblica. Gli agenti hanno disposto il sequestro preventivo dell’immobile operatoe denunciato in stato di libertà le persone fi cui sopra per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. I locali all’interno erano stati opportunamente divisi, creando quattro ambienti adatti alla ricezione della clientela, rifiniti con lettini e vasche aperte del tipo piano doccia doppio. Numerosi sono stati i clienti intercettati dagli investigatori durante la fase delle indagini; tutti sono stati condotti in Questura dove sono stati interrogati circa le modalità di prestazioni di sesso e di massaggi, effettuati con l’uso di olii, e per i quali venivano sborsate cifre a partire da 50 euro.
L'operazione della Squadra Mobile, fa seguito a due analoghe operazioni espletate negli ultimi mesi in ambito cittadino. La polizia infatti aveva già scoperto un appartamento in via Sant'Antonio dove si prostituivano delle cittadine dominicane e un centro massaggi gestito da cinesi in via Tre Venezie dove sarebbe avvenuto los fruttamento e il favoreggiamento della prostituzione. Le attività illegali scoperte sono state tutte chiuse e sequestrate.
12/7/2013 ore 15:48
Torna su