24/01/2020 ore 08:30
Anche l'assessore Bracco condanna il gesto dei tifosi del Perugia che hanno aggredito la comitiva della Ternana Ciclismo
“E’ un episodio da denunciare e condannare duramente, che non c’entra nulla con lo sport, con la passione o con una sana rivalità sportiva. E’ solo violenza.” L’assessore regionale allo Sport, Fabrizio Bracco, commenta così quanto accaduto nella serata di domenica in un autogrill dell’Autostrada del Sole. Qui alcuni tifosi del Perugia, di ritorno dalla gara disputata dai grifoni a Frosinone, hanno aggredito due accompagnatori della Ternana Ciclismo anch’essi al ritorno da una corsa disputata ad Alatri. “Il gruppo dei ciclisti, composto da ragazzi di 15-16 anni, ha affermato l’assessore Bracco, è stato preso di mira da alcuni sedicenti tifosi del Perugia soltanto perchè viaggiavano a bordo di una macchina che aveva impressa, sulla carrozzeria, la scritta ‘Ternana’. Voglio quindi esprimere tutta la mia solidarietà ai dirigenti ai ragazzi ed ai genitori della Ternana Ciclismo. In particolare ai giovani ciclisti voglio dire che questo brutto episodio non deve in alcun modo compromettere quegli ideali di passione e di gioia che li hanno spinti ad entrare nel mondo del sport ed a praticarlo nel più sano dei modi. Lo sport, conclude Bracco, non è mai violenza, prepotenza o aggressione. La cultura sportiva invece è un occasione di educazione e di crescita per i giovani che non deve mai mischiarsi con episodi simili a quelli avvenuti domenica scorsa”.
9/4/2013 ore 18:10
Torna su