09/08/2020 ore 13:41
Installa una microspia in casa dei parenti, denunciato un imprenditore
Aveva installato una microspia in uno spazio comune del condominio. La legge non consente cose di questo tipo, così un imprenditore ternano è stato denunciato dalla polizia postale. L'imprenditore aveva installato nei locali dediti al relax della palazzina dove abita con altri familiari, una microspia gsm, utilizzata per l'ascolto delle conversazioni che avvengono in prossimità del dispositivo. Lo scorso gennaio un cittadino si è recato in questura ed ha sporto una denuncia querela, ratificandola attraverso gli uffici della polizia postale e delle comunicazioni di Terni, menzionando il fatto di esser stato vittima di interferenze illecite nella vita privata, portando con sé l’oggetto che era servito per le intercettazioni. L'uomo aveva rinvenuto interno della sua abitazione, una scatola nera munita di uno slot per schede sim, collegato ad una presa della corrente, con all’interno una scheda. Gli agenti della Polpost hanno avviato le indagini, anche attraverso accertamenti tecnici effettuati tanto sulla sim quanto sui tabulati telefonici, i quali hanno consentito di dare un nome all’autore del reato, peraltro un familiare, che è stato deferito all’Autorità Giudiziaria.
5/4/2013 ore 13:20
Torna su