12/11/2019 ore 01:16
Nasconde merce rubata nel garage di un ignaro cittadino, denunciato un 38enne
Un cittadino marocchino di 38 anni, attualmente detenuto in attesa di giudizio e coinvolto nei mesi scorsi nelle risse avvenute nel parcheggio dell’ospedale, è stato denunciato per ricettazione e violazione di domicilio continuata ed aggravata. Residente regolarmente a Terni da tanti anni, svolgendo lavori saltuari, aveva sgombrato, a luglio dello scorso anno, l’appartamento e il garage di un insegnante ternano che lavora fuori sede e torna di rado in città. Tra i lavori effettuati dal marocchino, c’era stata anche la sostituzione del nottolino della serratura del garage. Già durante le festività natalizie l’insegnante aveva trovato oggetti non suoi nel garage ed aveva invitato il marocchino a portarli via e a restituirgli la chiave e questi gli aveva risposto che l’avrebbe fatto. Ad una ulteriore sollecitazione l'uomo aveva risposto di aver perduto la chiave, mentre i vicini riferivano al proprietario che lo straniero lo si vedeva di continuo andare e venire dal garage. Quando l’insegnante è tornato la scorsa settimana a Terni ed ha aperto il garage, è rimasto letteralmente allibito, all’interno c'erano infatti una grande quantità di oggetti accatastati l’uno sull’altro, tra cui: 18 biciclette, 3 motocicli, televisori, tappeti, un frigorifero, capi d’abbigliamento, pneumatici, suppellettili, sacchi, valige ed oggetti vari. La Squadra Volante intervenuta per gli accertamenti ha anche rilevato la forzatura della serratura della cantina, sempre di proprietà dell’insegnante, dove è stato trovato altro materiale. Pur non essendo stato ancora disposto il sequestro, tutto il materiale è stato fotografato e le immagini sono disponibili in questura all’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e, a breve, saranno pubblicate anche sul sito web della Questura di Terni, alla pagina riservata alla bacheca degli oggetti rubati. Dagli accertamenti effettuati finora, è emerso che i tre motocicli sono stati rubati a Roma e si è risaliti ai proprietari che avevano sporto regolare denuncia.
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
19/2/2013 ore 15:00
Torna su