20/11/2019 ore 20:59
Denunciato un indiano beccato al centro di Terni con 704 capsule di papavero
E’ stato fermato la notte di San Silvestro, mentre con il suo furgone attraversava il centro cittadino di Terni. Insospettiti dall’atteggiamento dell’uomo, un cittadino indiano, i finanzieri hanno eseguito un controllo all’interno del veicolo. E qui è venuta fuori la sopresa, in quanto, fra vari prodotti etnici, alimentari ed altre mercanzie, sono spuntate 704 capsule di papavero per un peso di circa 1 chilo. In prima battuta l’indiano ha fatto finta di non capire poi, ha continuato a sostenere che quelle capsule di papavero fossero semplicemente fiori secchi, usati nelle comunità indiane in occasione dei funerali dei loro congiunti. In realtà si trattava di fiori privi di gambo e petali, già essiccati in capsule e suddivisi in nove sacchetti di plastica neri, a loro volta inseriti in un sacco più grande. Capsule dalle quali si estrae facilmente un succo o lattice che provoca effetti sedativi tipici della morfina o dell'eroina. Ogni fiore essiccato è di fatto il "contenitore" di una piccola dose di sostanza stupefacente. Una volta svuotato del suo liquido, poi, mantiene delle tracce di oppio e può essere masticato o polverizzato per essere fumato o essere utilizzato per la preparazione di “infusi”. Dalla Finanza spiegano che "non c'è differenza tra chi sbriciola le capsule, le fuma o le mette in un infuso e chi si inietta in vena morfina o eroina". Si tratterebbe, insomma, di una droga vera e propria che in tempi di crisi è tornata sulle piazze, in particolare fra i cittadini extracomunitari, proprio per il suo basso costo, ma non è escluso che le stesso capsule potessero essere acquistate anche da cittadini italiani. Una droga low cost quindi, con tutte le controindicazioni del caso, specie se, come spesso avviene, all’uso di questa sostanza si associa l’assunzione di superalcolici. Insieme a questo sequestro, le pattuglie impiegate nelle festività di fine anno, anche in coordinamento con le altre forze di Polizia della Provincia, hanno proceduto all’esecuzione di oltre 50 controlli nei confronti di esercizi commerciali diretti a verificare il corretto rilascio di scontrini e ricevute fiscali, 48 controlli su strada, redigendo 15 verbali in materia di ben viaggianti. Significativi anche i dati relativi alle persone fermate in materia di controllo economico del territorio. Sono state infatti fermate 35 autovetture e controllate 61 persone nei confronti delle quali faranno seguito approfondimenti circa la congruità fra redditi dichiarati e beni posseduti.
3/1/2013 ore 15:22
Torna su