21/11/2019 ore 06:06
Terni: per Natale torna il pranzo in Cattedrale con il vescovo ed i poveri
Un "Natale amico" per far sentire ciascuno parte della gioia della festa della Natività e dell'amore di Dio. E' il Natale che la chiesa diocesana si appresta a vivere nell'accoglienza e fraternità con le persone ospiti del pranzo di Natale nella Cattedrale di Terni il 25 dicembre alle 13 con l'arcivescovo Vincenzo Paglia. Oltre 300 le persone che interverranno: anziani, poveri, extracomunitari e profughi ospiti delle case di accoglienza della Caritas, assistiti dalle associazioni caritative della diocesi, in gran parte coloro che frequentano ogni giorno la mensa diocesana "S.Valentino", ma anche intere famiglie che hanno deciso di trascorre la festa non a casa propria ma insieme ai più bisognosi della città. Un centinaio sono i volontari che si occuperanno della buona riuscita della giornata, dall'allestimento all'accoglienza, dalla preparazione del cibo al servizio ai tavoli, il tutto grazie anche alla collaborazione di gruppi e movimenti della diocesi, che si sono suddivisi i vari compiti, per dare far vivere ad ogni ospite la gioia di un Natale insieme, come in una grande famiglia. Altri incontri in fraternità per il pranzo di Natale si terranno nella chiesa di Santa Croce, mentre la Comunità di Sant’Egidio rinnova il tradizionale appuntamento del Natale con gli anziani della residenza Tiffany alle 10.30 con la santa messa e alle 12.30 con il pranzo nel corso del quale porterà il suo saluto anche mons. Vincenzo Paglia. Lo stupendo scenario della Cascata delle Marmore insieme a luci e musiche, farà da cornice al presepe vivente che sarà inaugurato il 25 dicembre alle 17 dall’arcivescovo Vincenzo Paglia alla presenza del sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo. Il presepe realizzato dal comitato “Presepe Vivente di Marmore” con la collaborazione della I^ circoscrizione Est di Terni, si sviluppa dal belvedere inferiore della Cascata lungo il sentiero pedonale che costeggia gli ultimi salti d’acqua della Cascata. La cascata delle Marmore, decantata da poeti ed artisti per la sua bellezza e il suo paesaggio, diventa così loca­tion di un presepe vivente del tutto particolare; nella pri­ma parie della scena ci sarà una voce narrante che rievoca il viaggio di Giuseppe e Maria fino alla grotta (ispi­ratasi alla poesia "Notte santa" di Gui­do Gozzano). Man mano che si procede nel cammino s’illumineran­no i quartieri della città di Betlemme, tra cui il mercato con gli artigiani, che è stato collocato tra il secondo e terzo salto della Cascata; la proiezione della Cometa al secondo salto dove è stata anche aggiunta quest’anno una roccaforte che sovrasta il vecchio paese posto più in basso. Nella parte più alta del sentiero pedonale sono state aggiunte delle costruzioni che rappresentano il paese riscostruito in uno dei piazzali superiori e dove sarà posto il laboratorio del falegname con attrezzi vari. Il tutto animato da oltre 100 figuranti in costume. Il presepe è stato inoltre arricchito con un arco d’ingresso, dalle bighe romane nell’accampamento dei centurioni rappresentati dal gruppo storico “Legio II Sabina”. Arricchita anche la parte del mercato con carretti e nuove bancarelle con animali e attrezzi da lavoro rurali, lo scalpellino, artigiani con le loro attrezzature e sculture. La ricostruzione di un nuovo accampamento sorgerà accanto al laghetto all’inizio del percorso dove troveranno posto i Re Magi. La rappresentazione del presepe vivente si ripeterà il 26 dicembre, l’1, il 5 e 6 gen­naio 2013, dalle 17 alle 19.
24/12/2012 ore 12:33
Torna su