24/07/2019 ore 08:27
Barriere architettoniche: la Regione stanzia 500mila euro, ma bastano a coprire solo il 5 per cento delle richieste
La giunta regionale ha provveduto ad assegnare ai Comuni umbri contributi per un totale di 500mila euro tutti provenienti dal bilancio regionale, per l’eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati. “Il paradosso - ha detto l'assessore Stefano Vinti - è che esiste una legge nazionale che prevede un contributo per agevolare l’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati e che però da dieci anni non viene più rifinanziata. Ed anche in questo caso soltanto l’intervento della Regione, con il suo magro bilancio, va a sostegno delle famiglie in difficoltà. Ma, con i nostri finanziamenti, riusciamo a coprire soltanto il 5 per cento del fabbisogno”. Una legge nazionale del 1989 infatti stabilisce la concessione dei contributi, per la realizzazione di tali opere in edifici già esistenti, ai portatori di menomazioni o limitazioni funzionali permanenti, a coloro i quali li abbiano a carico, nonchè ai condomini ove risiedono le categorie di beneficiari. “Con la legge regionale 19 del 2002 - continua Vinti -, l’Umbria ha stabilito di integrare con contributi regionali il finanziamento statale. Purtroppo proprio da quell’anno il Governo nazionale ha smesso di erogare il dovuto finanziamento statale e così ormai da dieci anni i soli contributi che possono essere ripartiti tra i Comuni sono quelli regionali”. Il risultato - si legge in un comunicato della Regione Umbria - è che si sono ormai accumulate oltre 1330 domande (1023 in provincia di Perugia e 327 in provincia di Terni) per un fabbisogno di oltre dieci milioni di euro. Soltanto nel 2012 si è determinato, in base alle richieste di contributo pervenute entro marzo 2012, un fabbisogno di 5.880.034 euro, che è stato richiesto al Ministero per le Infrastrutture in conformità all’art. 11 della L. 13/1989. “La mancanza di risorse statali ha determinato una condizione di attesa difficilmente sostenibile dai cittadini, i quali, a prescindere dalla anzianità della domanda, avrebbero tutti diritto al riconoscimento dei contributi stabiliti con una Legge dello Stato che però è priva di finanziamento. La buona volontà dell’Amministrazione Regionale di intervenire con propri fondi non consente di sopperire ad un fabbisogno annuo di circa 1.000.000 di euro, causando così lunghe attese per accedere ai contributi e bloccando spesso lo scorrimento delle graduatorie, con grande disagio in particolare modo nei Comuni minori, i quali trovandosi a gestire bilanci limitati difficilmente riescono a sopperire con adeguati servizi ed assistenza alle necessità dei soggetti diversamente abili”.
“Siamo stati quindi obbligati ad indicare scelte selettive nel ripartire le risorse economiche disponibili, che possano fornire un conforto il più vasto possibile alle famiglie a prescindere dalla loro ubicazione geografica”, ha sottolineato Vinti. “Abbiamo così deciso di soddisfare almeno una nuova domanda per ogni singolo Comune ed esaurire gli interventi parzialmente finanziati, consentendo quindi uno scorrimento delle graduatorie seppure minimo per tutti gli aventi diritto”. Dalle richieste dei Comuni si rileva una condizione diversa per ogni singola realtà, in quanto per i Comuni di Assisi, Città di Castello e Spoleto ci sono ancora domande in giacenza dal 2005 ( 7 per Assisi, e 4 ciascuno a Città di Castello e Spoleto), per un contributo complessivo di 65.348,71 euro. Tali domande risalenti all’anno 2005 sono le più datate in assoluto nei Comuni della Regione, e per tale motivo saranno finanziate per esaurirne l’annualità. “Abbiamo anche rilevato, ha concluso l’assessore, che mentre la maggioranza dei Comuni Umbri registra meno di 10 domande in attesa di contributo, si allarga di anno in anno il divario con il numero di domande nei Comuni di Perugia e Terni, dove le richieste in attesa sono 200 per Perugia e 196 per Terni, con un fabbisogno di circa 1.000.000 di euro per ciascun capoluogo di Provincia. Esiste invece una minoranza di comuni che non ha speso i contributi assegnati nei precedenti anni pur avendo domande in attesa”. La Giunta regionale, potendo usufruire per l’anno 2012 del solo finanziamento regionale di 500.000 euro, ha deciso quindi di finanziare una nuova domanda per ogni Comune e completare tutti gli interventi parzialmente finanziati per una spesa di 287.684,50 euro. Ma i comuni con finanziamenti non spesi, il cui importo risulta consistente e tale da superare la richiesta economica corrispondente ad almeno una domanda in attesa di contributo per il 2012 non saranno finanziati. Saranno invece esaurite le domande in attesa dal 2005 per una spesa complessiva di 65.348,71 euro, nei Comuni di Assisi, Città di Castello e Spoleto. La parte rimanente del finanziamento disponibile, consistente in 146.966,79 euro, è stata assegnata ai Comuni di Perugia e Terni che hanno il maggior numero di domande in attesa.
22/10/2012 ore 0:20
Torna su