19/01/2020 ore 22:10
Orvieto: la Forestale scopre e sequestra un capannone trasformato in discarica di rifiuti pericolosi
Il comando provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Terni ha individuato un capannone industriale, della superficie di 5.000 metri circa sito nella zona industriale di Orvieto, trasformato in una discarica di rifiuti pericolosi. All’interno è stato rinvenuto e posto sotto sequestro, un ingente quantitativo di amianto, solventi, vernici e altro materiale solido in corso di identificazione. Il personale del Corpo Forestale dello Stato intervenuto sul posto ha trovato l’aria irrespirabile, poiché i contenitori metallici di solventi e vernici, logori in quanto attaccati da agenti corrosivi, non erano più in grado di assicurarne l’ermeticità, permettendo così la fuoriuscita della parte volatile, altamente tossica, nell’ambiente. Gli elementi raccolti lasciano pensare che il materiale, prima di essere depositato nel luogo del ritrovamento, sia rimasto depositato per lungo tempo anche in luogo aperto; pertanto, sono in corso ulteriori accertamenti, in particolare per verificare se il terreno sia stato o meno contaminato. I rifiuti, circa 80 metri cubi, erano sistemati su bancali di legno e bigbags; considerata la modalità di stoccaggio ed altri elementi, non si può escludere un vero e proprio traffico illecito di rifiuti, in corso da tempo ed ora fermato grazie all’intervento della Forestale. I responsabili, che sono ancora da identificare, rischiano una condanna penale fino a due anni di arresto e 26mila euro di ammenda. L’attività investigativa è stata svolta dal personale del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale e della stazione Forestale di Orvieto. Le indagini sono ora dirette dalla Procura della Repubblica di Orvieto.
4/7/2012 ore 12:43
Torna su