17/01/2020 ore 15:35
Reti driche: dal Sii più di un milione di euro per potenziare le condutture di varie zone del ternano
La Sii e l’Ati 4 hanno stanziato risorse per oltre 1 milione di euro finalizzate al potenziamento della rete di distribuzione dell’amerino, dell’orvietano, di Avigliano Umbro e di Stroncone. La notizia viene diffusa dall'ufficio stampa della società dell'idrico che spiega nel dettaglio le caratteristiche degli interventi. "I lavori - si legge nella nota - sono in fase di avvio e verranno terminati entro breve tempo. Gli interventi riguardano i centri abitati di Montecampano e Foce, nel comune di Amelia, dove verranno eseguite opere di rifacimento e raddoppio del sistema di adduzione, di Melezzole, nel comune di Montecchio, con lavori di riqualificazione di alcuni tratti del sistema di distribuzione, Avigliano Umbro, dove verranno ottimizzati gli impianti esistenti, il comune di Orvieto e il comune di Castelgiorgio, dove verranno eseguite altrettante opere migliorative. A Stroncone infine verranno aumentate le attuali capacità del serbatoio principale grazie, attraverso l’Asm, alle disponibilità di Terni. A tale proposito - continua la nota del Sii -, si sottolinea che il buon livello idrico di Terni ha permesso di realizzare il progetto di ridistribuzione di acqua, da parte di Asm, anche nell’amerino, andando così a potenziare le disponibilità del territorio. “Gli investimenti – fanno osservare il presidente della Sii Stefano Puliti e il direttore generale Paolo Rueca – seguono quelli già precedentemente fatti in molte zone del territorio di competenza ed hanno l’obiettivo di migliorare il servizio ai cittadini, rendendolo sempre più adeguato e moderno. Le situazioni di difficoltà che si sono registrate recentemente rientrano in un quadro generale che interessa tutta l’Umbria e che sta impegnando fortemente gli Ati e i soggetti gestori della nostra regione. La mancanza di adeguati livelli pluviometrici ha infatti determinato una serie di conseguenze nella distribuzione idrica, come del resto era già stato ampiamente preannunciato”. Per affrontare in maniera adeguata tale situazione - conclude la nota - , la Sii, tra le altre iniziative e interventi, sta mettendo in campo una serie di attività e di manovre sulle reti di competenza. In quest’ottica, nel caso se ne riscontrasse la necessità e previa avviso ai cittadini, la società potrebbe ridurre le erogazioni notturne in alcune zone del territorio provinciale per consentire una migliore gestione delle risorse durante la giornata".
29/6/2012 ore 11:01
Torna su