26/05/2020 ore 01:06
Lite nella notte tra giovani prostitute rumene, due arresti e una denuncia
La Volante era stata chiamata poco dopo la mezzanotte, perché in via Lungonera delle prostitute stavano litigando. Agli agenti era apparso subito chiaro che all’origine della lite ci fosse una rivendicazione del “posto di lavoro”. Una prostituta rumena di 19 anni aveva dichiarato di essere stata malmenata da due sue connazionali di 22 e 24 anni; gli agenti avevano invitato le parti a sporgere denuncia e una volta sedata la lite, le tre si erano allontanate. Alle 1.30, invece, viene richiesto di nuovo l’intervento della Volante, questa volta in viale Trento, proprio dalla ragazza che aveva precedentemente dichiarato di essere stata picchiata. Stavolta dice di essere stata rapinata, sempre dalle due connazionali aiutate da un ternano. Questi, stando al racconto della ragazza, dopo averla accompagnata in viale Trento, con la scusa di prendere il portafoglio dal bagagliaio, era sceso dall’auto, le due prostitute la tiravano fuori dalla vettura, picchiandola, rapinandola e salendo poi nell’auto dell’uomo allontanandosi insieme a lui. Giunti sul posto gli agenti, oltre a constatare che la ragazza mostrava delle contusioni, trovavano la borsa di una delle due assalitrici, contenente, oltre a dei profilattici, il documento di identità. Nel frattempo, le due rumene, arrivavano a piedi in questura per sporgere denuncia contro la loro connazionale che a loro dire, le aveva picchiate e rapinate, mentre gli agenti riescono a risalire al proprietario dell’auto: un ternano di 34 anni, noto frequentatore di prostitute. Dagli accertamenti, e dalle dichiarazioni rese dalle parti, si è arrivati a definire il quadro della situazione: le due rumene, con la complicità dell’uomo, avevano aggredito e rapinato la 19enne, simulando poi l’aggressione. Il ternano è stato denunciato per concorso in rapina, le due donne, invece, sono state arrestate, in quanto senza fissa dimora e con pericolo di fuga ed accompagnate in carcere.
11/6/2012 ore 18:43
Torna su