21/10/2019 ore 14:12
Scoperto imprenditore che "metteva" in malattia i suoi dipendenti per frodare l'Inps
False dichiarazioni di malattia. Fatte per spillare soldi all'Inps, che pagava. La truffa è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Amelia e sarebbe stata portata aventi da una società a responsabilità limitata, operante nel settore manifatturiero, tra Terni e Amelia. Il controllo delle Fiamme Gialle, ha accertato che il datore di lavoro evidenziava in contabilità assenze dei propri lavoratori, registrando falsi periodi di malattia che venivano indebitamente posti a carico dell’Inps. Stando a quanto riferisce la Guardia di finanza, nei giorni in cui i lavoratori, in realtà continuavano a prestare la propria attività lavorativa. Chi ci guadagnava era il datore di lavoro che vedeva continuare la produzione, ma allo stesso tempo risparmiava sui i contributi e sugli stipendi. Questi ultimi infatti, venivano corrisposti, attraverso il recupero delle indennità imputate in modo truffaldino, dall’Inps, proprio grazie alle false malattie dichiarate. I finanzieri di Amelia, coadiuvati nella loro indagine dai funzionari dell’Inps di Terni, hanno quantificato a carico dell’impresa contributi omessi per 25mila euro circa e indebito conseguimento di indennità, finite a carico dello Stato, per 50mila euro circa. Nell’ambito del controllo sono state esaminate le posizioni lavorative dei dipendenti, alla luce delle quali sono stati rinvenuti elementi documentali dai quali si è potuto ricostruire che la ditta, nel tempo, aveva fruito di manodopera, per 19 rapporti di lavoro, a spot, in nero e, quindi, sono state anche constatate sanzioni in merito alla normativa su lavoro per circa 2milioni di euro.
24/5/2012 ore 11:18
Torna su