18/07/2019 ore 13:21
La Finanza scopre contributenti che avevano nascosto al Fisco 3 milioni di euro
Tre artigiani di Orvieto, un imprenditore edile di Avigliano, un commerciante di auto di Terni e un ristoratore di Narni, sono stati individuati dalla Guardia di Finanza per aver commesso delle gravi irregolarità fiscali. I tre non avrebbero presentato, tra il 2007 ed il 2010, le dichiarazioni fiscali, sottraendo all’imposizione circa 3milioni di euro di imposte dirette ed Iva per quasi 500mila euro. Tra i soggetti evasori c'è un'impresa di servizi (pulizie e trasporti), che lavorava anche per alcuni comuni dell’orvietano e che emetteva fattura nei confronti di questi, senza però dichiarare all’Erario gli importi incassati. Nella rete dei controlli è finito anche il titolari di altrettanti ristoranti con annessa pizzeria di Narni e di Orvieto, ai quali sono stati elevati verbali per oltre 200mila euro. Particolare attenzione è stata dedicata dalle Fiamme Gialle nei confronti di imprese artigiane quali quelle operanti nel settore idraulico, termico, elettrico e simili, che hanno rapporti soprattutto con privati. Ad Orvieto è stata scoperta un'impresa del settore che non ha presentato dichiarazioni per circa 900mila euro. È stato poi l’esame della banca dati in uso alla Guardia di Finanza che riepiloga i bonifici bancari emessi da privati per ristrutturazioni edili per godere della relativa agevolazione, che ha consentito di individuare un' impresa del circondario amerino, che non ha dichiarato gli importi incassati per i lavori edili effettuati per circa 70mila euro. Sono state inoltre accertate consistenti evasioni da parte di un rivenditore di auto coinvolto in cessioni in nero di autovetture su tutto il territorio nazionale e con rapporti con Francia e Germania.
5/4/2012 ore 12:29
Torna su