17/11/2019 ore 10:59
Costi della politica: per Monni (Pdl) "la Regione concede troppi soldi ai dirigenti"
“La Regione Umbria sborsa tre milioni e settecentomila euro e qualche spicciolo come premio di risultato per i propri dirigenti. In un periodo così delicato, dove la crisi conclamata richiama al rigore ed ai sacrifici, la somma accantonata per gli apicali regionali stona e non di poco”. Così, in una nota, il consigliere regionale del PdL, Massimo Monni per il quale “sotto l'albero di Natale i 'capi' si son trovati, insomma, un bel pacco dono confezionato ad hoc per i risultati raggiunti. Naturalmente, manco a dirlo, risultati valutati con il massimo dei voti”. “A conti fatti – spiega Monni - i virtuosi dirigenti regionali si troveranno, in busta paga, ulteriori 21mila euro a testa, oltre i quasi 100mila percepiti, per qualcuno, nell'arco dell'anno. E pensare – osserva - che la Giunta Marini, con la riduzione da 7 a 3 dei direttori generali e con l'approvazione del riassetto dell'intera struttura dirigenziale della Regione, prevedeva un sostanzioso risparmio per l'Ente. Ma cifre alla mano, a quanto pare, la revisione della struttura apicale è da bocciare in toto sul fronte economico. Nessun risparmio rispetto al 2010”. Per Monni, si tratta di “un atteggiamento in netto contrasto con la rigidità del momento. Se a livello nazionale si plaude al rigore – fa notare -, l'Umbria non può contare su una maggior rigorosa e virtuosa gestione del denaro pubblico. Almeno per quanto riguarda la fascia dorata dei dirigenti. Per i dipendenti – conclude - è un'altra storia. Una pura follia non certo degna di lode”.
3/1/2012 ore 16:46
Torna su