14/12/2019 ore 21:57
Nel 2004 aveva ucciso la sua ex convivente, torna in carcere un 45enne campano residente a Terni
E' accusato di aver ucciso la la sua ex convivente; per questo è stato arrestato e rinchiuso in carcere. Sono stati i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Terni a trarre in arresto, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Corte d’Appello di Firenze, un operaio 45enne di origini campane, residente da diversi anni a Terni. Il provvedimento è scaturito a seguito del rigetto del ricorso contro la sentenza d’appello emesso ieri dalla Corte di Cassazione. L’uomo infatti, nel 2004, era stato arrestato e condannato in primo grado a 30 anni di reclusione per l’omicidio della sua ex convivente, perpetrato, secondo l’accusa, per motivi passionali. A seguito di appello la pena era stata ridotta a 17 anni e 9 mesi e l’uomo, decorsi i termini per la custodia cautelare, era tornato in libertà, proponendo ricorso in Cassazione. Nella giornata di ieri la Suprema Corte ha rigettato il ricorso, e così oggi la Corte di Appello di Firenze ha emesso il definitivo ordine di carcerazione, per cui l’uomo, una volta arrestato, è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Terni, dove dovrà scontare un residuo pena di 8 anni, 8 mesi e 27 giorni. Non appena fermato l’uomo ha affermato che non era sua intenzione sottrarsi alla cattura, ma che anzi era in procinto di costituirsi alle forze dell’ordine.
14/12/2011 ore 16:03
Torna su