21/07/2019 ore 05:09
San Gemini: a sindaco, assessori e presidente del consiglio comunale non piace la mozione, per protesta abbandonano l'aula
Singolare episodio al Consiglio Comunale di San Gemini dove nell'ultima seduta il presidente del Consiglio ha abbandonato l'aula prima della votazione di una mozione sulla riduzione dei costi della politica. Il fatto ha provocato forti reazioni nella minoranza che chiede di fare luce sull'accaduto. "Il nostro gruppo consiliare - spiega il capogruppo della lista 'Insieme cambiamo San Gemini', Gianni Medei -, aveva presentato una mozione per l’abolizione, per i Consiglieri Comunali, dell’indennità di partecipazione alle Commissioni Consiliari (il cosiddetto “gettone di presenza”). Approvare il provvedimento sarebbe stato un primo piccolo passo verso la riduzione dei costi della politica ma, senza neanche iniziare la discussione della mozione, il Sindaco di San Gemini Leonardo Grimani si è alzato, accusandoci di demagogia e di atti provocatori ed è uscito dalla sala consiliare, seguito dal vice sindaco, gli assessori e dal Presidente del Consiglio Comunale Luca Federici e da tutti i consiglieri di maggioranza, tranne uno. Il segretario comunale, di fronte a questa situazione, ha chiesto al vice presidente, ancora presente in aula, di assumere la presidenza e di proseguire la seduta, cosa che non è poi potuta avvenire in quanto, con l'uscita degli altri consiglieri, era venuto meno il numero legale. Quello che noi dicimo - continua Medei - è che la maggioranza, disponendo di più voti, avrebbe potuto tranquillamente respingere, astenersi o approvare la proposta della minoranza, senza dover ricorrere a teatrali defezioni. E’ la minoranza, infatti, che normalmente esce dall’aula per protesta, mai la maggioranza. Crediamo che non sia mai successo in nessun Comune italiano che il Presidente del Consiglio Comunale abbandoni senza giustificazioni l’aula. L’abolizione dei gettoni di presenza avrebbe riguardato maggiormente i consiglieri di minoranza, in quanto molti dei componenti di maggioranza, percependo già indennità di carica (Sindaco, Presidente, Assessori ecc.), non percepiscono alcun gettone di presenza. In un Comune come San Gemini, per effetto del numero di abitanti, il gettone è di circa 10 euro netti. L’abolizione o l’eventuale mantenimento - conclude Medei - non avrebbe cambiato la vita a nessun Consigliere Comunale. Non avrebbe neanche risolto i molti problemi di bilancio del Comune di San Gemini. Avrebbe esclusivamente rappresentato un primo piccolo segnale nella direzione giusta, a cui ci auguriamo possano seguirne altri".
1/12/2011 ore 13:23
Torna su