20/09/2020 ore 22:00
Terni: nuove regole per la raccolta differenziata porta a porta, chi non le rispetta verrà multato
La raccolta differenziata una questione di sensibilità e di attenzione alle risorse ambientali, ma ora anche un obbligo disciplinato da un’apposita ordinanza del sindaco. Dal 15 novembre sarà in vigore infatti la normativa relativa alle modalità di conferimento dei rifiuti urbani ed assimilati in regime di raccolta differenziata porta a porta per il centro storico di Terni e quelli di Collestatte, Torreorsina e Collescipoli. Al fine di incrementare la raccolta differenziata dei rifiuti, con l’obiettivo di raggiungere i limiti fissati dalla vigente normativa e di contribuire al risparmio delle risorse naturali ecco il provvedimento a firma del primo cittadino Leopoldo Di Girolamo. L’ordinanza del Sindaco (prot. n. 160962 del 04/11/201, integrata con ordinanza prot. n. 161469 del 04/11/2011) stabilisce, sotto il profilo organizzativo e tecnico, le modalità e le tempistiche di conferimento a seconda delle differenti tipologie di rifiuto. Con decorrenza dal 15 novembre gli utenti interessati dal servizio di raccolta rifiuti “porta a porta”, all’interno delle aree indicate, dovranno, per il conferimento dei rifiuti provenienti da attività domestiche, di servizio e commerciali, attenersi alle disposizioni previste rispettando gli orari e i giorni prestabiliti per il ritiro dei rifiuti ed avendo cura di utilizzare gli appositi sacchetti e/o contenitori conferiti da Asm Terni Spa. per le differenti tipologie di rifiuti. Chi non si atterrà alle regole sarà soggetto alle sanzioni amministrative. Chi non conferirà i rifiuti nelle modalità (giorni, orari, luoghi) previste dall’ordinanza incorrerà in una sanzione da 80 a 480 euro. Chiunque conferirà nei contenitori o nei sacchi destinati alla raccolta differenziata tipologie di rifiuti diverse da quelle indicate dal gestore del servizio di raccolta o utilizzerà sacchi e contenitori diversi da quelli previsti dall’ordinanza incorrerà in una sanzione da 50 a 300 euro. Ai sensi dell’ordinanza occorre esporre i contenitori e i sacchi chiusi e facendo attenzione a non inserire oggetti taglienti che possano costituire un pericolo per gli addetti alla raccolta e a non inserire cenere o altra fonte di innesco che possa causare incendi, chi non seguirà queste norme di comportamento potrà incorrere in una sanzione da 50 a 300 euro. “Nel 20112 puntiamo – dichiara l’assessore all’Ambiente Luigi Bencivenga - a far crescere la raccolta differenziata fino al 60%, estendendo il porta a porta a tutta la città. Si tratta di un obiettivo fattibile, grazie alla modalità di raccolta del porta a porta. I vantaggi ambientali sono facilmente intuibili. Occorre quindi il fondamentale apporto dei ternani, l’ordinanza e le sanzioni sono un ulteriore stimolo, essenziali restano i comportamenti individuali dei cittadini”.
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
11/11/2011 ore 9:59
Torna su