18/07/2019 ore 12:49
Terni: sabato 8 ottobre al "Santa Maria" primo convegno dell’Aumat, Associazione Umbra dei Malati Tiroidei
Promuovere tra la popolazione l’informazione e la conoscenza di patologie diffuse, come le malattie tiroidee, e di patologie meno note, come l’insufficienza cortico - surrenalica o malattia di Addison che, in molti casi, è associata alla malattia tiroidea autoimmune. Con questa finalità l’Azienda Ospedaliera di Terni promuove, per sabato 8 ottobre dalle ore 14.30 alle ore 18.30, nella sala conferenze della struttura ospedaliera, il primo convegno dell’Aumat, Associazione umbra dei malati tiroidei. L’iniziativa, che nasce dalla consolidata collaborazione tra la struttura complessa di Endocrinologia del “Santa Maria” e l’Associazione umbra dei malati tiroidei, guidata con passione dal suo presidente Elio Proietti, sarà arricchita dalla partecipazione di rappresentanti dell’Associazione Italiana Pazienti Addison e dal contributo scientifico dell’Ame, Associazione Medici Endocrinologi. All’incontro di sabato 8 ottobre, aperto al contributo dei cittadini interessati, prenderanno parte uno dei massimi esperti europei della Malattia di Addison, il prof. Corrado Betterle dell’Università di Padova e il dr. Alberto Falorni della Università di Perugia, anch’egli profondo conoscitore di tale materia. I due esperti, insieme all’équipe ospedaliera del “Santa Maria” di Terni diretta dal dr. Camillo Giammartino, saranno a disposizione di tutti gli utenti che vorranno porre domande sui temi delle malattie tiroidee come l’individuazione precoce delle malattie, quali esami eseguire, quale terapia portare avanti e, in generale, su qualunque dubbio si possa avere, magari dopo aver parlato con amici o con altri pazienti.
“Tale evento - spiega il dr. Camillo Giammartino, direttore della struttura complessa di Endocrinologia dell’Azienda Ospedaliera di Terni - è realizzato per gli utenti e non, come solitamente avviene, per gli specialisti. La presenza di questi ultimi avrà infatti il solo scopo di illustrare la materia in maniera semplice e di rispondere alle domande della platea. Per questo motivo invitiamo i cittadini a partecipare numerosi a questo importante appuntamento”.
5/10/2011 ore 20:41
Torna su