28/11/2020 ore 11:56
Terni: un'asta con le maglie dei campioni per raccogliere fondi da destinare al primo parco "anallergico" della città
Nello spazio abbandonato che si trova all’inizio di Via del Centenario, al lato destro dalla rotonda dei Marinai, a Borgo Rivo, l’associazione Bruna Vecchietti realizzerà il primo parco anallergico della città. Fatto con piante anallergiche per consentire a tutti di godere del verde evitando raffreddori, congiuntiviti, orticarie e crisi d’asma, consentirà a queste persone una migliore vita sociale. Per quanto possibile il parco sarà realizzato con materiali recuperati e rimessi a nuovo: tavoli, sedute, panchine. Il progetto della onlus Bruna Vecchietti, ideato da Simona Angeletti, si chiama “Rilancia per beneficienza”: col ricavato dell'asta di beneficenza, che ha visto assegnare maglie di campioni del calcio, si farà il primo parco anallergico di Terni. All’asta sono andate le maglie di campioni come Buffon, Cassano, Miccoli, Totti, Zampagna. Ma anche maglie della Ternana di oggi (Nolè) e di ieri: Visi e Tozzi Borsoi, Borrello e Canzian. E poi borselli, cappellini, stemmi, borse e il pallone con tutte le firme dei giocatori e il completo maglia e pantaloncino della Lazio di Ivan De la Pena. Le piante anallergiche hanno lo stesso costo di quelle allergiche e potrebbero essere usate anche nelle rotonde. Tante le proposte scaturite da mesi di confronti e ricerca di spazi, con l’aiuto della dottoressa Maddalena Pedrini della Asl4, che ha spiegato che la percentuale delle persone affette da queste patologie va dal 25 al 40%. La presidente della circoscrizione nord, Francesca Malafoglia, ha assicurato il proprio impegno affinché in futuro possano essere applicate le indicazioni ricevute, necessarie per migliorare l’ambiente.
2/10/2011 ore 5:39
Torna su