21/07/2019 ore 04:41
Terni: costituita l’associazione temporanea di scopo tra Provincia e cooperative per i progetti Fei
Integrazione, confronto, scambio culturale e politiche dell’immigrazione sono i punti cardine dei due progetti Fei (Fondo europeo per l’integrazione) avviati in Provincia con la firma degli atti relativi alla costituzione dell’associazione temporanea di scopo tra la Provincia di Terni e le cooperative sociali. La firma, apposta in sala del Consiglio dal presidente della Provincia Feliciano Polli e dai presidenti delle cooperative a livello provinciale, ha ufficialmente dato il via alle progettazioni dei due assi di cui la Provincia è capofila e che sono stati finanziati dal ministero dell’Interno. Il primo progetto si chiama "Le culture della Convivenza: generazioni scuole e territori". Tale progetto, da oltre 170.000 euro, si attua attraverso la programmazione di azioni specifiche e mirate che coinvolgeranno genitori, insegnanti e giovani stranieri e autoctoni con la finalità di incrementare, in modo efficace, capacità di gestione delle relazioni interculturali a partire dalla scuola e sviluppandosi in altri contesti extrascolastici. Il secondo progetto si intitola "Aracne - Tessere cittadinanza attiva" ed ha come finalità la costruzione di un processo per l'inclusione sociale degli immigrati con garanzia dei diritti , tutela dell'identità, diffusione di una educazione interculturale basata sul dialogo,il confronto e la valorizzazione delle diverse culture. L’importo finanziato supera i 177.000 euro. All’iniziativa di oggi erano presenti, oltre al presidente Polli, il prefetto Augusto Salustri, l’assessore alle Politiche sociali della Provincia di Terni Marcello Bigerna e tutti i presidenti delle cooperative. “La collaborazione tra Provincia, prefettura, cooperative, Asl e Ufficio scolastico regionale – ha detto il presidente Polli ringraziando il prefetto – è fondamentale perché coinvolge e rende protagoniste le cooperative portatrici di un patrimonio importante sotto il profilo professionale, culturale e della sensibilità sociale. Abbiamo costruito tutte le premesse e le condizioni per fare bene grazie anche al supporto essenziale del prefetto, ma adesso si deve passare alla fase della concretezza per dare un futuro ai progetti e alle iniziative riguardanti il tema dell’immigrazione e dell’inclusione sociale”. Il prefetto Salustri ha definito i due progetti “di grande valore sociale e che possono favorire il processo di integrazione”. L’assessore provinciale alle Politiche sociali Marcello Bigerna, che ha promosso i coordinato i progetti, ha parlato di “risultato importante”. “Abbiamo realizzato una rete in grado di costruire un cammino per il futuro”, ha affermato Bigerna il quale ha anche accennato ai prossimi progetti in elaborazione, uno riguardante lo Sportello Unico dell’immigrazione e un altro la creazione di una scuola del sociale che faccia formazione di settore ed abbia una didattica dedicata. Piena soddisfazione è stata espressa da tutte le cooperative che hanno riconosciuto il ruolo importante della Provincia ed hanno garantito piena disponibilità a portare avanti i due assi progettuali su cui adesso saranno proprio loro a dover lavorare.
9/10/2011 ore 0:15
Torna su