03/12/2020 ore 20:13
Vita difficile per i ladri, denunce ed arresti per furti effettuati in alcuni negozi del capoluogo
Un rumeno di 26 anni, senza fissa dimora, ha cercato di rubare capi di abbigliamento di marca (valore circa 1.000euro) in un negozio di Corso Vecchio. Con cura l'uomo aveva foderato con dei fogli di alluminio l’interno di due buste di altri negozi locali, dove aveva nascosto la merce sperando di poter passare con questo stratagemma modo le barriere antitaccheggio del negozio, ma qualcosa è andato storto e l’allarme è scattato. La commessa ha chiamato la Volante che ha accertato che nelle buste vi erano due paia di jeans, un bomber, un pullover ed un giubbotto, il tutto ancora con le placche antitaccheggio, anche queste foderate dal ragazzo con dell’alluminio. Il rumeno è stato accompagnato in Questura ed è stato denunciato a piede libero mentre la merce è stata riconsegnata alla responsabile del negozio.
In un'altra operazione i carabinieri della stazione di San Gemini hanno tratto in arresto, per furto aggravato, un pregiudicato ternano di 35 anni. L'uomo è stato sorpreso dai militari dopo aver asportato, dall’interno di un esercizio commerciale di Terni, capi di abbigliamento per un valore di 300 euro circa, dopo aver rimosso mediante rottura i dispositivi antitaccheggio. La refurtiva è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari, l’uomo è stato tratto in arresto e dopo una notte passata in camera di sicurezza, è stato giudicato per direttissima presso il Tribunale di Terni, ove è stato condannato a 5 mesi di reclusione e 200 euro di multa con sospensione condizionale della pena.
29/9/2011 ore 0:10
Torna su