19/01/2020 ore 00:21
Si "scorda" di passare in caserma per la firma quotidiana, arrestato un 21enne ternano
Si "dimentica" di presentarsi in caserma dove ha l'obbligo di firma, così gli viene revocato lo stato di libertà e viene di nuovo arrestato. L'accusa parla di spaccio di sostanze stupefacenti e l'arresto è stato effettuato dagli investigatori della “Sezione Narcotici” della Squadra Mobile di Terni. A finire in manette è stato un ternano di 21 anni. Nei suoi confronti il Gip di Terni ha emesso, su richiesta del Pm Elisabetta Massini, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. I fatti. Nel settembre del 2010 i poliziotti della Squadra Mobile avevano fermato il ragazzo mentre stava vendendo hashish nei pressi di una nota discoteca ternana. Il giovane aveva con sé una notevole quantità di droga del tipo chiamato “Nerone” o “Pongo”. Questo genere di stupefacente, ritenuto particolarmente pregiato, si presenta sotto forma di filetto (del tutto simile alla plastilina) e risulta pastoso e grasso perchè è impregnato di olio di hashish ed è di colore marrone scuro, tendente al nero. E’ di facile utilizzo in quanto può essere inserito in una sigaretta artigianale e non necessita di preparazioni particolari come avviene per il classico “fumo”. All’epoca, dopo essere stato fermato dagli investigatori, il 21enne venne arrestato e trascorse un periodo in carcere per poi essere liberato, ma sottoposto all’obbligo quotidiano di firma presso la stazione dei carabinieri di Terni. Recentemente, però, il giovane ha violato quell’obbligo, non presentandosi più ai carabinieri e per questa ragione quella particolare misura cautelare è stata revocata ed è stata ripristinata la più “efficace” misura della custodia cautelare in carcere. Dopo le formalità di rito il giovane è stato accompagnato presso il carcere di Sabbione.
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
20/8/2011 ore 13:25
Torna su