21/01/2020 ore 17:47
Sabato 20 agosto tutti incatenati davanti alla Prefettura per difendere Terni capoluogo di provincia
Più di 390 iscritti al neonato Comitato. Un buon numero, se si considera l'apertura recentissima del gruppo stesso su Facebook ed il particolare periodo dell'anno, con molta gente ancora in vacanza. Il Comitato Terni Provincia, forte di così tante adesioni (ma si punta a raggiungere numeri molto più alti) ha cominciato a muovere i primi passi e per sabato mattina (20 agosto) ha organizzato una sorta di sit-in davanti al Palazzo del Governo. L'appuntamento è per le ore 10, tutti sono invitati a partecipare: dagli iscritti al Comitato, ai semplici cittadini che hanno a cuore le sorti di questa difficile battaglia; l'invito è stato esteso anche ai politici ternani: di destra, di centro e di sinistra. Vedremo chi si farà vedere dalle parti di viale della Stazione. Fino a questo momento, purtroppo, è parso di capire che i politici ternani (tutti) si siano ben guardati dal rilasciare dichiarazioni rispetto alle decisioni del Governo Berlusconi di tagliare alcune Province italiane; come se la cosa non li riguardasse o fosse di poca importanza. Un atteggiamento, quello dei consiglieri regionali in particolare, che non è sfuggito alla cittadinanza, sebbene è giusto ricordare che anche decine di altri uomini e donne appartenenti al mondo ternano della politica, con incarichi in Comune a Terni e dentro alla stessa Provincia, si sono fino a questo momento defilati. Tornando al sit-in, la manifestazione prenderà il via alle 10; i partecipanti si incateneranno formando una catena umana per dire "No" all'abolizione della provincia di Terni e "Si" ad un riequilibrio territoriale dell'Umbria.
Per aderire al gruppo organizzato su Facebook, basta cercare "Comitato Terni Provincia" ed iscriversi.



18/8/2011 ore 1:09
Torna su