20/01/2020 ore 13:05
Profondo cordoglio a Nera Montoro e nel viterbese per la morte di Riccardo ed Eszter
Si chiamavano Riccardo Cori, 45 anni originario di Roma ma da anni residente a Montefiascone ed Eszter Mohacsi, nata a Budapest (Ungheria) ma da qualche tempo residente a Nera Montoro, le vittime dell'incidente aereo accaduto a Nera Montoro. I due sono praticamente morti sul colpo. Le loro salme sono state tirate fuori dal boschetto dai vigili del fuoco e trasferite all’obitorio di Terni, in attesa dell’esame autoptico disposto dal magistrato Raffaella Gammarota intervenuta sul posto. Riguardo alle cause che hanno determinato la tragedia si pensa ad un guasto meccanico, oppure ad una manovra azzardata ma non viene esclusa l'ipotesi di un malore che potrebbe avere colto il pilota, Riccardo Cori. Chi lo conosceva non vuol sentir parlare affatto di manovra azzardata, fatta da uno come lui: pilota esperto, quanto scrupoloso. A Montefiascone ed a Viterbo, dove era molto conosciuto, tutti ricordano Riccardo come una persona in gamba: “sempre allegro e disponibile”. Amava volare e ultimamente aveva anche ottenuto un importante piazzamento in una gara di volo acrobatico. Oltre a fare l’istruttore, Riccardo lavorava come autista in un’azienda del capoluogo viterbese. Riccardo Cori lascia due figli: Daniele di 22 anni, che fa il modello ed ha anche partecipato recentemente ad un noto spot televisivo di Dolce & Gabbana, e Rachele, 2 anni da compiere, avuta dall’attuale compagna. Con la sua famiglia viveva a Zepponami, frazione di Montefiascone, ed erano in tanti a conoscerlo e ad apprezzarlo. La povera 31enne ungherese, invece, era arrivata da poco in Italia, dopo essere rimasta vedova. Si era fidanzata con un uomo di Roma, ma aveva scelto di rimanere e Nera Montoro dove faceva la badante. Una brava ragazza, dicono di lei, che non meritava certo di fare una fine del genere. Ora il suo unico figlio, che ha dieci anni, è rimasto solo, e questo fa ancora di più stringere il cuore a quanti hanno appreso la notizia della tragedia.
(Nella foto, i resti bruciati dell'aereo precipitato a Nera Montoro)
9/8/2011 ore 18:19
Torna su